Raccontare storie appassiona e può farti diventare ricco e famoso

Sono anni che insisto sull’importanza nel medio e lungo termine, per un’azienda, di investire sul marketing contenutistico.
Sulla base di questo convincimento – e spiegandone i benefici – ho venduto strumenti per la gestione dei contenuti ed aiutato a sviluppare una strategia di content marketing a negozi di abbigliamento, aziende meccaniche, proprietari di cave di marmo, produttori di arredamento e chi più ne ha più ne metta.
Non è una semplice vocazione commerciale.
Se non ne fossi convinto, venderei altre cose.
Non propongo mai a nessun clienti strumenti che non adotterei io stesso e non abbozzerei una strategia sovradimensionata per le loro necessità. A volte, dopo una prima fase di entusiasmo, sono magari io che metto un freno alla voglia di spesa che viene al cliente.
E’ per questo che parlo così spesso di marketing contenutistico.
Con l’arrivo dei social network questo strumento ha avuto un motivo in più per essere preso in considerazione: se hai dei contenuti importati a monte, se hai delle cose da dire e le hai sistematizzate, dare sfogo su – per esempio – Facebook a questi contenuti ti permette di accendere la miccia al tuo marketing relazionale.
Abbiamo visto più volte su questo blog come non bisogni scambiare questi canali come la discarica di tutte le nostre offerte ma vadano anzi utilizzati in modo sapiente per costruire relazioni. I contenuti ti aiutano a farlo.
Ma come avere successo con i propri contenuti?
Già quando si è iniziato a parlare di Lovemarks, più di 10 anni fa, si era individuata l’importanza di “raccontare storie”: le storie affascinano le persone e le legano sentimentalmente ai brand.
Resta tutto valido.
Anche quando parliamo di blog e di marketing contenutistico.
Mi viene in aiuto uno dei precursori del marketing contenutistico, Jeff Bullas, che a tal proposito ha scritto un interessante articolo dove spiega perchè bisogna raccontare storie.

Perché raccontare storie può renderti ricco e famoso

Non so voi, ma io amo una buona storia. Quella storia spiegata con immagini grafiche e colorate di quando avevo tre anni e mamma o papà mi leggeva il Gatto nel Cappello.

Ricordo che alle dieci, mentre stavo per addormentarmi, quando era il momento di spegnere le luci, la lampada sul comodino veniva messa sotto le coperte ed io scomparivo in un mondo di pirati, dai turchesi mari di cristallo, dalle avventure Caraibiche e dai tesori sommersi finché gli occhi si afflosciavano o il libro cadeva dalle mie dita appena compariva il sonno.

Adesso che sono cresciuto del tutto (o almeno così mi piace pensare in una giornata buona) la mia passione per una storia avvincente è ancora intatta e un nuovo film mai visto impreziosito con suono surround, sub woofer, un bicchiere di vino e della buona compagnia è ancora una proposta attraente. (Tra l’altro un buon romanzo sulla spiaggia o sotto le coperte è una proposta ancora allettante)

L’arte del narratore è ciò che rende alcuni dei migliori blogger famosi e trova e consente loro di influenzare i loro lettori online e offline. Oprah Winfrey è famosa e ricca per aver riportato le storie della gente sul piccolo schermo.

Quindi, per dare il via all’ultimo posto della serie “esser influenti in un mondo digitale”, qui ci sono i 10 migliori consigli di opinion leader apresi da “The influencer Poject” e inizieremo prendendo Brian Clark su come essere digitalmente influente da Copyblogger fame (che tra l’altro attualmente ha spostato Chris Brogan dalla posizione numero uno nella classifica del blog AdAge Power 150 Marketing ).

1. Essere un mezzo di comunicazione e una casa editrice – Brian Clark di Copyblogger

Questa società di comunicazione dovrebbe fare 3 cose

  • Imparare ad essere un cantastorie … narrativo – è ciò che ci rende umani
  • Comprendere la psicologia delle persone in quanto alimenta la vostra narrazione
  • Il contenuto dev’ essere di qualità – produzione di materiale di qualità, se hai intenzione di ottenere l’attenzione che desideri.

Azione: Vai su alcuni dei blog che si specializzano nell’insegnamento per le tue competenze nello scrivere storie.

2. Condividere idee liberamente ed essere responsabili – Scott Belsky di Behance e autore di “Making Ideas Happen”(le idee in realtà)

Azione: Metti le tue idee, i video e le immagini su Facebook, Twitter, Flickr e Slideshare e chiedi ai tuoi amici e alla comunità di mantenere l’onestà attraverso il feedback ..affinché tu possa tenerne conto

3. Focalizzare una specifica micro-nicchia – Dan Schawbel fondatore di Millenial Branding e autore del bestseller Me 2.0.

La cosa numero uno che puoi fare per il tuo personal branding in questo momento con i social media, è quello di scegliere una nicchia molto più piccola su cui concentrarsi , in modo da poter rimanere nel tuo mercato, e diventare famoso per tale. Così, invece di diventare esperto di finanza personale, si può essere l’esperto di finanza personale per il Gen Y, o per i laureati. Una micro-nicchia globalmente può valere milioni!

Azione: Pensa ad una micro-nicchia all’interno della tua area di interesse e inizia a scrivere e a produrre contenuti per quella nicchia

4. Costruire una comunità di lettori – Gretchen Rubin autrice del libro “The Happiness Project” ( Progetto Felicità) e il blog Happiness-Project.com

Il modo per farlo è quello di coinvolgere i lettori in una conversazione.

Azione: Introdurre argomenti che per te sono stimolanti e interessanti e sui quali le persone hanno molto da dire.

5. Visitare altre persone di successo (imprenditori) – Alexandra Levit si trova su AlexandraLevit.com

Sii sistematico nel tuo approccio per iniziare la conoscenza delle persone che hanno già fatto il percorso imprenditoriale nel quale ti trovi attualmente.

Azione: Mira tra le cinque e le dieci persone che ti ammirano,delle quali hai seguito il lavoro, e gradualmente inizia a conoscerle,a commentare i loro tweets, i post del blog, chiedendo loro se potevano risparmiare quindici o venti minuti per fare un colloquio informativo con te per dirti di più sul loro cammino.

6. Creare una Tribù di fanatici difensori – Steve Woodruff su SteveWoodruff.com

Il suo segreto principale per la costruzione dell’influenza online è quello di trovare e aiutare le persone che vengono lanciate su piattaforme come Twitter o nel blogging. Rimanendo al loro fianco e diventando un loro difensore loro saranno tuoi fans per tutta la vita. Una delle chiavi per l’influenza digitale non è avere il maggior numero di connessioni, ma è avere effettivamente i sostenitori più accaniti.

Azione: Identificare il talento e gli arrivati che cominciano a mettersi nel social media, ma chiaramente avendo la stoffa giusta, avendo una buona esperienza, avendo una guida e un messaggio. Prendi il loro materiale ed esponilo ad un pubblico più ampio e collegali alle persone chiave, finirai così per crearti un sostenitore a vita.

7. Diventare un leader di pensiero attraverso il Media – David Siteman Garland fondatore di The Rise to the Top

Azione: Avvia un supporto comunicativo per la tua azienda con la creazione di uno spettacolo speciale, Podcast o una rivista online.

8. Essere pazienti e perseveranti – Ambra Näslund direttrice della Comunità su Radian6 e anche nel suo blog BrassTackThinking.com

L’Influenza Online è un lento bruciare, e non è qualcosa che si può realmente realizzare. E ‘qualcosa che è veramente e biologicamente cresciuto avendo delle conversazioni una alla volta con la gente nel corso del tempo. E questo può accadere con un certo numero di mezzi.

Azione: Alzati ogni giorno, usa blog e Twitter con uno scopo e utilizza le tue altre reti come Facebook e LinkedIn per connettere, coinvolgere e navigare nella rete. Persisti e non rinunciare.

9. Scoprire e sviluppare il tuo USP (Unica proposta di acquisto) – Julien Smith co-autore del bestseller,Trust Agents, e blogger su InOverYourHead.net

Probabilmente la chiave per costruire la tua influenza online è quella di approfittare dei vantaggi esistenti di cui già disponi, che le altre persone non hanno.

Azione: Prenditi un po’ di tempo oggi o nei prossimi giorni rimanendo in tranquillità per sederti e scrivere le diverse cose alle quali sei appassionato e che ti rendono differente.

10. Distillare ciò che si vuol mettere sul tavolo in termini di valore e competenza – Brian Solis Autore del nuovo libro, “Engage: How to Build, Cultivate and measure Success on the New Web”(come costruire, coltivare e misurare il successo sul nuovo web)

Poi identifica le persone influenti che sono già in azione, su diversi livelli, dalla lista A alla lista C, e comprendi come si possa collegare questo con loro, e in che modo è possibile collegare direttamente le intuizioni a loro.

Azione: Crea una raccolta per questa intuizione, ad esempio un blog o un sito web e “diventa” un leader di pensiero e raccogli una comunità attorno alla tua leadership di pensiero.

[fonte articolo: http://www.jeffbullas.com/2010/09/21/why-telling-stories-can-make-you-famous-and-wealthy/]
[fonte immagine: Story Teller Painting - Chuck Marshall - http://fineartamerica.com/featured/story-teller-chuck-marshall.html

The following two tabs change content below.
Mi occupo di comunicazione aziendale orientata al web: webmarketing, architettura dell’informazione, supervisione di progetti web, sviluppo di sistemi per l’e-commerce, marketing contenutistico e social media marketing per aziende e marche che hanno bisogno di un digital manager freelance.

Commenti