...affinchè il tempo dedicato a Facebook non si trasformi in un "bagno di sangue"

errori facebook azienda

Andiamo a vedere cosa si può combinare, per la promozione di un business, con un potente strumento di comunicazione, quando viene messo in mano di chi comunicazione non la fa :-)

Parto da un articolo apparso su American Express Open Forum che parla degli errori che spesso si fanno quando ci si avvicina a Facebook e si inizia ad utilizzarlo per la propria attività economica.

1- Utilizzarlo come un canale per le trasmissioni pubblicitarie

Facebook non serve per far da cassa da risonanza ai nostri messaggi. Non è una radio o una TV dove abbiamo un nostro canale e una nostra trasmissione per inviare messaggi unidirezionali.
Facebook è autenticità: l'attività da perseguire non è "trasmettere" ma "interagire".
Quando si scrive qualcosa si deve puntare al contenuto interessante per creare dibattito, interattività con chi ci segue: le persone stanno su Facebook non per imparare ma per interagire e sentirsi parte di una community.

2- Non dedicargli abbastanza tempo

Alcuni esperti consigliano di usarlo come un giornale, semplicemente per rilanciare i propri messaggi pubblicitarie - che è esattamente l'errore del primo punto. In questo caso non ci si perde molto tempo: ho un contenuto e lo condivido con il mondo e ci torno per condividerne un altro quando ce l'avrò.
Un'azienda non dovrebbe andare su Facebook così: dovrebbe monitorare domande e conversazioni (sulla propria pagina, su gruppi affini) anche per rispondere - e farlo velocemente quando la domanda viene fatta direttamente all'azienda. A differenza delle Pagine gialle e di un sito di presentazione, dove si può pubblicare il proprio messaggio e poi disinteressarsene, su Facebook una pagina deve essere aggiornata e monitorata costantemente

3- Essere noiosi e prevedibili

Molti tendono a dimenticarsi che su Facebook la maggior parte delle persone ci va per trovare cose interessanti, divertenti o utili per se o per rilanciarle ai propri amici. Perciò bisogna riflettere prima di pubblicare un articolo sulla propria pagina: è interessante per un pubblico specializzato? E' divertente per chi vuole cazzeggiare? Verrà condiviso con qualche amico?
E' spesso un problema, per esempio, avere troppi automatismi: "lo pubblico sul blog e in automatico mi va su Facebook" perchè potremmo avere anche dei contenuti che su Facebook non ci azzeccano proprio.

4- Gli strumenti a disposizione vengono utilizzati male (o non utilizzati affatto)

Un esempio è "info", che non viene compilato o sistemato con superficialità. Oppure l'immagine del profilo: di default molte aziende senza neppure pensarci mettono il proprio logo con il risultato che spesso viene inquadrato solo in parte. Presentarsi male è un pessimo modo di iniziare la propria presenza su Facebook.
Sarebbe interessante anche vedere quanti amministratori di "pagine" hanno dedicato più di 5 minuti a Insights, un sistema di analisi statistica sugli accessi e partecipazione del pubblico alla propria pagina.

5- Violare i termini di Facebook

Per non incappare in errori o brutte figure non bisogna solo capire come usare Facebook e i suoi strumenti ma bisogna anche conoscere le regole di comportamento ufficiali al suo interno.
Un errore da evitare è quello di creare una pagina personale anzichè di una pagina di Facebook (a parte che se lo avete fatto da qualche giorno è possibile trasformare quel profilo in una pagina...). E, per esempio, non taggare le persone in una nota o in una immagine senza il loro permesso.
Insomma, prima di utilizzare lo strumento per i propri affari, bisognerebbe spendere un po' di tempo per informarsi sul come funziona e cosa si può fare, onde evitare di incorrere in una violazione successiva, quando la nostra attività social è partita...

[l'immagine, che mi sembrava parecchio attinente, l'ho recuperata da freaklinghaunt.com...un horror show, esattamente come certe strategie suicide - per l'immagine - su Facebook :-)]

 

Ti interessa un aiuto per migliorare il business online della tua azienda?
Contattami ora!
Ogni giorno che perdi su web regali clienti ai tuoi concorrenti

[easy_contact_forms fid=2]