Instagram mania. Spesso già al primo appuntamento con un cliente che è intenzionato a portare i suoi prodotti sui social network per fare marketing, viene fuori l'argomento Instagram. Perché è cool, piace, "fa figo" (chi ha belle foto...gli altri...). Bene, quindi vediamo 6 errore i che le aziende e i brand commettono su Instagram.

1- Pochi aggiornamenti.

errori aziende instagram

Non riuscire a costruire un piano editoriale dei contenuti da condividere, realizzarli e postarli con regolarità, è uno degli errori più comuni di chi prova andare a fare business su qualsiasi social network, compreso Instagram. Se aggiornate ogni 3 mesi, quando capita e senza un senso logioco (e poi magari con foto senza appeal e di nessuna utilità…) è facile che smettano di seguirvi anche qui pochi che vi avevano dato fiducia.

2- Troppo brand.

errori aziende instagram

 

Come tutti i social media Instagram è un ottimo “iniziatore di conversazioni”,non un megafono per i vostri prodotto o il vostro brand. Tieni traccia dell’engagment generato dai tuoi contenuti (quali piacciono di più, chi commenta, con quali argomenti) e rispondi, partecipando alla discussione suoi tuoi commenti. E segui anche gli altri. Dai il like…non ti bruci!

3- Troppe foto uguali (o, anche: Pubblicare le stesse foto).

Ricordati di cosa hai pubblicato in precedenza, non pubblicare foto già pubblicati da altri, ricordati di quali foto hai pubblicato su quale social network… e non ripubblicare le foto che hai già pubblicato dei tuoi prodotti. Vuoi essere un brand che annoia? Essere originale non basta: non essere ripetitivo.

4- Essere un pessimo padrone di casa.

Pensate al vostro account sul social network come ad un talk show: come sarebbe se il padrone di casa, il conduttore, parlasse per tutto il tempo non lasciando spazio agli ospiti? Se siete lì solamente per vomitare foto dei vostri prodotti senza interagire con nessuno e senza stimolare discussioni, state sbagliando qualcosa. Utilizzate gli hashtag non solo per farvi trovare, ma per farvi trovare da chi è interessato al vostro prodotto, in modo che ci sia una relazione di qualche genere. Anche i concorsi sono un ottimo modo per iniziare dei dialoghi e far sentire chi vi segue partecipe alla costruzione di qualcosa di importante.

5- Non dare agli utenti qualcosa "di valore".

Pubblicare sempre le stesse foto e non essere un buon padrone di casa sono due grossi errori su Instagram, sicuramente non fornire a chi ti segue qualcosa di valore, qualcosa che essi possono ritenere soddisfacente, non è un errore su Instagram da meno. Lipton Brisk per esempio ha fatto un ottimo lavoro con un concorso dove invitava gli utilizzatori a marcare le immagini con l’hashtag #brickpic per essere utilizzate sulle prossime lattine ad edizione limitata. Questo è “valore” per gli utenti. un valore eccezionale, reso possibile grazie al semplice utilizzo di un tag e di una foto.

errori aziende instagram

 

Con un mezzo tutto incentrato sulla presentazione visuale e così semplice e lineare, Instagram si presta in modo eccezionale ai concorsi fotografici. Vuoi un modo semplice per coinvolgere gli utenti? Progetta un concorso con un hashtag ed utilizza le immagini su qualcosa di esclusivo legato al tuo brand.

6- Avere l’entusiasmo ma non il tempo.

Un altro errore comune è quello di partire con il canale e poi non avere tempo o personale che possa seguirlo, che possa creare contenuti, che possa ideare un concorso, rispondere agli utenti, cercare gli hashtag. Bisogna mettersi in testa che Instagram non è un luogo dove prendere le foto già pubblicate su Facebook e Twitter, metterci un filtro e caricarle. Su Instagram le persone ci vanno per vedere foto belle, foto interessanti. Quella è la chiave da comprendere per avere successo su Instagram. E per far questo ci vuole tempo, ci vuole denaro, bisogna spendere energie. Ci vuole una programmazione.

Esattamente quello che dicevamo al punto uno: ci vuole un piano editoriale di costruzione e condivisione di contenuti ad hoc.

[Spunto da: http://www.lunametrics.com/blog/2012/04/24/6-mistakes-brands-avoid-instagram]