Aprire un Ecommerce è sempre più qualcosa alla portata di tutti. Basta prendere familiarità con alcuni termini basilari e sapere a che servizio rivolgersi.
Ovviamente il punto fondamentale è quello di avere un prodotto da vendere, un magazzino di quei prodotti e una partita iva che permetta di farlo (sia che voi vendiate al pubblico finale che alle altre aziende).

Una volta verificata l'idoneità della vostra partita iva - con il vostro commercialista - per vendere i prodotti, per venderli online basterà compilare il modulo MOD. COM. 6 BIS e spedirlo al proprio comune (per tacito assenso potrete iniziare a vendere online senza problemi)

Ecco quindi, in pochi semplici passi, come aprire il vostro primo Ecommerce e trovarvi nel mondo del commercio online.


Finanzia la tua voglia di E-commerce Paga in 12 mesi il tuo progetto per vendere online Scopri come!

La scelta del servizio per aprire un Ecommerce

Per iniziare, se non avete grandi conoscenze di server, linguaggi di programmazione ed altro, la strada più facile è quella di aprire un negozio online direttamente da uno dei servizi in cloud. In più famoso è Shopify, ma anche l'offerta di Prestashop in cloud è estremamente interessante.

Personalmente trovo Prestashop più intuitivo e performante, ma qui va anche molto a sensazioni.
Ecco quindi che, a titolo esemplificativo, vedremo come funziona su Prestashop l'apertura di un Ecommerce e una prima configurazione di massima per poter essere online velocemente e senza troppi sforzi.

PS: non ho mai nascosto la mia preferenza per rivolgersi a dei professionisti che installano, configurano e sviluppano una grafica ad hoc per il progetto di Ecommerce, perché penso che l'Ecommerce sia un'avventura vera, un progetto serio di business per il quale oggi ci vuole un business plan e degli investimenti. Per avere un'idea del costo per realizzare un sito di commerce potete leggere questo articolo. Ma c'è chi vuole anche provare da solo. Per questo qui daremo delle indicazioni per chi vuole arrangiarsi, per risparmiare o per allargare i propri orizzonti.

Configurare Prestashop in Cloud per aprire il vostro Ecommerce

Se andate su Prestashop questa è la schermata da cui partirete.

prestashop cloud: scelta opzione

Cliccando su "Cloud" potrete già scegliere il nome del vostro Ecommerce e iniziare a configurare i parametri base. Nome ed email prima:

prestashop cloud: nome negozio

Indirizzo e motivazioni dell'installazione poi:

prestashop cloud: url

Si completa il tutto con il vostro nome e la password:

prestashop cloud: password

A questo punto vi arriverà un'email per la conferma dell'account e l'attivazione del negozio. Che dovete, ovviamente, cliccare per completare l'operazione di creazione del vostro negozio online.

prestashop email attivazione

 

Bene. Il vostro negozio online è pronto. Ha un indirizzo e uno spazio su cui lavorare. Prestashop però non vi abbandona: manca una delle cose più importanti, ovvero la possibilità di incassare pagamenti con carta di credito. Proprio per questo vi invia anche un'email per attivare un account di HiPay, che vi permetterà, in cambio di una commissione sulla transazione, di ricevere pagamenti con Visa e Mastercard. Ovviamente è una proposta, in quanto potreste utilizzare anche il modulo di Paypal con il vostro account. E anche quello per il bonifico bancario. Oppure tutti assieme.

Quello che conta è che adesso avete il vostro Ecommerce pronto per essere configurato al meglio. Per andare alla configurazione non dovete far altro che entrare nel vostro account:

prestashop il mio negozio cloud

E cliccare su "Gestisci Negozio". In questo modo entrare nel vero e proprio backend di gestione di Prestashop.

prestashop cloud dashboard
Prima cosa da fare? Sistemiamo appunto i pagamenti. Per farlo bisogna andare nella sezione moduli ed attivare le forme di pagamento che preferiti (e andare, ovviamente a configurarle con i vostri dati).

Prestashop cloud: come entrare nei moduli Prestashop cloud: come entrare nei moduli

 

Prestashop Cloud: moduli di pagamento Prestashop Cloud: moduli di pagamento

 

A questo punto, una volta finito di configurare i pagamenti, l'altra indispensabile azione. è quella di configurare i sistemi di trasporto.

Se avete un solo trasportatore e vendete solo in Italia sarà abbastanza facile. Se avete più trasportatori e vendete in tutto il mondo le cose diventano più complicate.

Intanto: come funzionano le spedizioni.

Le spedizioni, generalmente, si appoggiano ad un trasportatore. Ogni trasportatore è associato a delle zone. Le zone possono contenere province (se le usate) e nazioni.
Inoltre ogni trasportatore avrà delle fasce di prezzi o di chili. Nella maggior parte dei casi, per vendere online, si utilizzano le fasce di prezzi: si creano delle fasce (per esempio da 0 a 100 €, da 100 € a 500 €, da 500 € a 10.000 €...) per le quali si avranno dei costi differenti. Oppure si crea una sola fascia per applicare un solo prezzo.
Quindi, a seconda della spesa del cliente, egli pagherà l'importo stabilità per quella fascia.

Se andiamo nella pratica risulterà più semplice.

Per prima cosa andiamo su Spedizione-Mezzi di spedizione. Qui potete creare un nuovo spedizioniere o modificare quelli esistenti. Nel primi passaggio trovate il nome, il logo, il grado di velocità e l'url per il tracciamento del pacco (sostituite il numero con @)

Prestashop Cloud configura trasportatore 1 Prestashop Cloud configura trasportatore, primo passaggio

Nel secondo step potete stabilire che iva applicare ai costi di trasporto (e se applicarla), se aggiungere le spese per i costi di gestione delle spedizione e, sopratutto, potete gestire le fasce. In questo caso abbiamo un'unica fascia di prezzo, con costi differenti a seconda delle zone.

Prestashop Cloud configura trasportatore 1 Prestashop Cloud configura trasportatore, secondo passaggio

Questo come si presenta la schermata delle fasce quando ne abbiamo più di una (potete aggiungerne quante volete, sia ch parliamo di peso dell'invio che di prezzo di vendita)

cloud prestashop fasce di prezzo Prestashop Cloud: esempio con più di una fascia di prezzo

Si completa la configurazione del trasportatore scegliendo i gruppi di clienti che possono accedere ed, eventualmente, le dimensioni massime del pacco per quel trasportatore

Prestashop Cloud configura trasportatore 2 Prestashop Cloud: configurazione del trasportatore, passaggio 3

Attenzione. Affinché i trasporti siano ben configurati bisogna creare le zone corrette (di cui avete bisogno, con dentro gli stati di quella zona) ed associarle ai trasportatori che serviranno quelle zone.

Per configurare le zone dovete prima crearle su Localizzazione -> Zone (oppure andarci per modificarle)

prestashop cloud localizzazione zone Prestashop Cloud: come andare nella modifica o creazione delle zone

Una volta creata la zona (o modificatone il nome), si può andare nella lista delle Nazioni o delle Provincie (se usate) per poi cliccare su Modifica, una alla volta.

prestashop cloud localizzazione nazioni Prestashop Cloud: localizzazione nazioni per modifica zona

Una volta entrati in "Modifica" per ogni nazione, c'è la possibilità di cambiare la zona di appartenenza. Ovviamente se la nazione vi serve, altrimenti la lascerete disattivata (o la disattiverete)

prestashop cloud modifica nazioni Prestashop Cloud: modifica zona della singola nazione

(Lascio a voi scoprire gli altri parametri configurabili per ogni nazione, dai campi richiesti per la registrazione, alla richiesta obbligatoria o meno del codice fiscale).

A questo punto, configurate le spedizioni e i pagamenti, le due condizioni essenziali per vendere online sono pronte.

Si parte poi con un sacco di variabili che potete personalizzare per il vostro Ecommerce, navigando tra le varie voci di Amministrazione e di Impostazioni, su come deve funzionare il vostro store, come vengono mostrati i prodotti, come funzioneranno gli ordini etc...E' tutto abbastanza intuitivo (e se proprio lo trovate difficile, c'è sono sempre un consulente E-commerce che può darvi una mano :)) ma vediamo gli elementi principali da personalizzare.

Impostazioni: gli elementi essenziali da configurare per aprire un Ecommerce velocemente

Vediamo le varie schermate di Impostazioni

Schermata delle Impostazioni Generali Schermata delle Impostazioni Generali

Tra le opzioni più importanti delle Impostazioni -> Generali, abbiamo la tipologia di arrotondamento, il numero di decimali e se mostrare i fornitori e i produttori della merce in vendita. Oltre alla possibilità di abilitare il protocollo SSL per il proprio negozio online.

 

Schermata delle Impostazioni Ordini Schermata delle Impostazioni > Ordini.

Sulla schermata di Impostazione -> Ordini, potete scegliere se volete accompagnare l'utente in un checkpoint in 5 fasi o in una pagina unica dove inserire tutte le informazioni, se attivare la possibilità di acquisto anche per gli utenti non registrati, potete stabilire una quantità minima di denaro per completare un ordine, definire qual è la pagina delle condizioni di acquisto (che sarà quella linciata dalla spunta obbligatoria sulla'"Accetta condizioni di vendita"). Tra le altre opzioni, la possibilità di scelta della confezione regalo e della carta riciclata per la confezione, con l'eventuale costo maggiorato.

 

Impostazioni Prodotto Schermata Impostazioni > Prodotto

Sulla schermata Impostazioni -> Prodotto potete disabilitare la vista dei prezzi e la possibilità di acquistare, semplicemente spuntando "Opzione catalogo". Potete decidere dove mandare un cliente dopo l'aggiunta di un prodotto nel carrello e se mostrare gli attributi di un prodotto non disponibili nella pagina di un prodotto. Da questa pagina decidere se utilizzare la gestione del magazzino per i prodotti del vostro Ecommerce o meno.

 

impostazioni-cliente Schermata Impostazioni > Cliente

Su Impostazioni -> Clienti si può stabilire quale processo di registrazioni tocchi al cliente, se rendere obbligatorio il numero di telefono, se abilitare la registrazione alla newsletter e - importante . se abilitare l'attività B2B che obbligherà all'inserimento della partita iva se l'acquirente è un'azienda.

 

impostazioni tema Schermata Impostazioni > Tema

In questa sezione (Impostazioni -> Tema) potete scegliere il tema del vostro Ecommerce su Prestashop. Vi danno gratis il sistema, ma qui la grafica si paga. Un piccolo dazio in confronto del servizio che vi permette di essere online velocemente. Il consiglio è comunque quello di aspettare a scegliere una grafica personalizzata: prima partite con il vostro store online, successivamente penserete agli abbellimenti e alle funzionalità aggiuntive, forti anche dell'esperienza che accumulerete nella prima fase.

 

impostazioni SEO Schermata Impostazioni > SEO

Nella schermata Impostazioni -> SEO potrete, per ogni pagina del vostro Ecommerce (esclusi prodotti e categorie) definire il meta Title e la meta Description, elementi determinanti in ottica ottimizzazione SEO.

 

impostazioni cms Schermata Impostazioni > CMS

Qui su Impostazioni -> CMS avete la possibilità di definire tutte le pagine "statiche" del vostro Ecommerce, dai "Contatti" al "Chi Siamo", per non dimenticare la "Privacy" e le "Condizioni di Vendita"

 

impostazioni immagini Schermata Impostazioni > Immagini

C'è poi, tra le Impostazioni, la pagina dedicata alle Immagini, dove potrete definire le dimensioni per ogni immagine del vostro negozio online. Il mio consiglio, finché non ne capirete abbastanza,  quello di lasciare tutto com'è.

 

impostazioni contatti Schermata Impostazioni > Contatti

L'ultimo elemento a cui dovete dare un occhio - e personalizzare - è Impostazioni -> Contatti, dove potrete inserire uno o più indirizzi per i vostri contatti - o punti vendita - fisici e decidere se mostrarli nel fortore del vostro negozio o meno.

 

La gestione del catalogo: occhio agli Attributi

L'altro elemento determinante, per andare in linea, è rappresentato dal catalogo, sopratutto dalle categorie di prodotti e dai prodotti.
Anche in questo caso è tutto abbastanza intuito: si creano le categorie e si creano i prodotti da inserire all'interno delle categorie, ognuno con nome, descrizione breve, descrizione lunga, prezzo, disponibilità in magazzino...

Un focus lo accendiamo invece sugli attributi.

Gli attributi sono quei valori che potranno essere cambiati dall'acquirente al momento dell'ordine. Un esempio facile è l'attributo TAGLIA, con i suoi vari valori S, M, L, XL.
Si creano a monte, prima dei prodotti, e poi, quando un prodotto ha bisogno di quell'attributo, lo si associa.

Attenzione: quando un prodotto ha degli attributi, le quantità in magazzino si gestiscono dalla combinazione degli attributi, perché di fatto, ogni taglia ha un id identificativo proprio e un magazzino proprio che distingue le una dalle altre.

La combinazione degli attributi è così chiamata perché permette di gestire n attributi, combinando le variabili e gestendo una quantità in magazzino per ognuna.

Facciamo un altro esempio scolastico.
Abbiamo l'attributo TAGLIA e l'attributo COLORE.
Poniamo di avere in magazzino
10 t-shirt con TAGLIA L e COLORE rosso
10 t-shirt con TAGLIA M e COLORE rosso
5 t-shirt con TAGLIA L e COLORE verde
5 t-shirt con TAGLIA M e colore verde

In questo caso, per l'appunto, stiamo parlando di una combinazione di attributi per gestire il magazzino. Se ci provate vedrete che è meno complicato di quello che sembra.

Ok.
A questo punto abbiamo sistemato il magazzino, i trasportatori con relative zone e modalità di pagamento. Poi voi avete spulciato in Impostazione e in Preferenze le varie opzioni per adattarle a quello che meglio funzionerà con il vostro Ecommerce. Direi che ci siamo: siete online.

Buon divertimento!

Ah, solo una cosa in più, che mi sembra doverosa in questa sede.
Anche Prestashop.com è un sito di Ecommerce: il suo prodotto è il servizio di Ecommerce che vi offre e il suo modello di business sono le grafiche/temi che vende e una serie di funzionalità aggiuntive (che vengono chiamati Moduli) che vi permettono di estendere i servizi e le caratteristiche del vostro Ecommerce. Partite morbidi, con le cose essenziali. Per aggiungere funzionalità sarete sempre in tempo.