L'email regna incontrastata, nonostante l'ascesa del social, relation, content, eccetra...marketing, una bella newsletter permette ancora di attirare clienti sul proprio sito e vendere i propri servizi. Per tutti quelli che hanno delle liste di indirizzi attive, ecco una serie di consigli da Hubspot (ok, Hubspot parla da interessato ma solo perché ci prende dei soldi sopra non significa che non siano buoni consigli :))

Come abbiamo ripetuto spesso, i vari canali che utilizzate nella vostra strategia complessiva di marketing dovrebbero funzionare in sintonia, e non per compartimenti stagni.
Quando i canali di marketing individuali -i social media, i blog, le email, la ricerca etc- funzionano insieme per promuovere un'offerta, una promozione o anche una campagna di più ampio respiro, possono generare risultati migliori di quelli che avrebbero potuto avere a livello individuale.
Le email per esempio, sono uno dei canali più importanti quando vengono integrate al resto dei vostri canali di marketing.In questo articolo voglio dunque recensire i diversi modi in cui potete ottenere l'integrazione fra le email e altre risorse di marketing, come la ricerca, i social media, il mobile e gli strumenti analitici.

I-L'integrazione di email e social media

Moltissimi studi hanno dimostrato che le strategie email che integrano i social media portano a risultati migliori.
Secondo Aberdeen Research, il 65% dei principali venditori B2B (i migliori,20% del totale) integrano le email con i social media, rispetto alla media del settore del 51%.


Integrare i social media nella vostra strategia di email è più semplice di quello che potreste pensare.

Ecco alcune ottime tattiche per aiutarvi a cominciare:

1-Aggiungete pulsanti di condivisione social alle vostre email

Aggiungere la condivisione per social media e pulsanti per seguirvi all'interno vostre email estenderà la loro portata anche oltre ai destinatari presenti nel vostro database, aumentando la visibilità del vostro contenuto e brand.
Rendete i pulsanti dei social media una parte integrante del vostro template email, in modo che chi le riceve potrà condividere facilmente il vostro contenuto email con i suoi network individuali.

2-Sfruttate gli insights di social media per le email inviate

Inviate email personalizzate a quegli iscritti che vi hanno menzionato sui social media. Usando strumenti analitici di marketing integrati (come quelli di Hubspot) dovreste essere in grado di vedere una lista di iscritti alle vostre email e lead che hanno menzionato la vostra azienda su Twitter.
Oltre a rispondere a questi lead, con un alto tasso di coinvolgimento grazie ai social media, dovreste anche inviare loro una email di follow-up con informazioni e contenuti personalizzati.

3-Ampliate la vostra mailing list grazie ai social media

Utilizzate la vostra presenza sui social media per dare ai followers un motivo per iscriversi alla vostra mailing list. Per esempio, provate a fare un appello sulla vostra pagina Facebook o in una specifica scheda Facebook a parte. Assicuratevi di evidenziare i chiari benefici offerti dall'iscrizione alle vostre email in modo da convertire in iscritti i vostri followers sui social media.

II-Integrazione di email e ricerca

Si,è vero: le email ottimizzate possono aiutarvi a farvi trovare nel processo di ricerca.
Molti strumenti email, come lo strumento email di HubSpot, vi permettono di creare e ospitare versioni HTML delle vostre email sul web per tutti quelli che stanno avendo dei problemi a visualizzarle nelle loro inbox.
Non soltanto questa versione web è un toccasana per l'usabilità, ma aiuta anche a migliorare la vostra SEO. Visto che esisterà un archivio online delle vostre email, controllate che il vostro contenuto email segua le stesse best practices di SEO portate avanti del vostro sito web e da altri contenuti.
Usate le vostre migliori parole chiave e un testo già a partire dal momento in cui costruite il corpo del messaggio.
Assicuratevi che tutte le immagini abbiano dei tag e includano i pulsanti di condivisione social per estendere maggiormente il raggio d'azione del contenuto.

III-Integrazione di email e strumenti analitici

Il marketing di oggi dovrebbe spingersi molto oltre i classici confini del sito web.
Di conseguenza, gli strumenti analitici individuali del vostro sito, dei social media, delle email e di altri canali non sono più abbastanza.
Una visione ripartita fra canali diversi vi permette di verificare in che modo i clienti potenziali stanno vivendo la loro esperienza con voi attraverso le vostre diverse proprietà di marketing.

I dati analitici di marketing possono rispondere alle domande riferite a più canali come per esempio:

  • quante persone hanno cliccato sulla vostra email ma non si sono convertite?
  • delle persone che si sono convertite al vostro sito web, quante di queste ci sono arrivate dai social media?
  • in quanti hanno aperto il vostro ultimo messaggio email?
  • quale di questi strumenti conduce ad un numero maggiore di lead: pay-per-click o ricerca organica, email o social?

Non soltanto le ricerche sull'integrazione di questi strumenti dimostrano l'efficacia della vostra strategia di marketing, ma vi aiutano anche diventare più accurati nell'invio delle vostre email.
Secondo B2B Magazine, il 37% dei venditori sostiene che la mancanza di dati degli utenti sia il principale ostacolo per un'efficace campagna mirata verso il loro segmento di interesse.
Sostituendo gli strumenti analitici per singoli canali con strumenti di marketing integrati, inizierete a segmentare la vostra mailing list e inviare comunicazione basandovi sulla storia dei lead dei download e delle pagine visualizzate.
Nello screenshot qui sotto (dallo strumento Sources di Hubspot) potrete vedere che le email e i suoi strumenti analitici sono solo un pezzo del grande puzzle dell'inbound marketing.
Dovete guardare meglio all'intero contesto per prendere le giuste decisioni sulla segmentazione e per ottimizzare i vostri contatti.

IV-Integrazione di email e mobile

Secondo Return Path, il 16% di tutte le email viene aperto su dispositivi mobile, e questo numero può aumentare fino al 50 % per alcune aziende e settori. Creare una strategia che rifletta il modo sempre diverso in cui chi riceve le mail le può aprire e consultare sarà sempre più importante negli anni avvenire.
Che cosa vi serve allora per rendere più adatta al mobile la vostra strategia email?

  • testate i vostri template email per vedere come si possono presentare su diversi dispositivi mobili
  • date agli appelli che fate (calls-to-action in inglese, CTA) spazio per muoversi- assicuratevi che cliccare sui link e sui pulsanti sia semplice per i lettori, dovrebbe bastare un tocco sul touch screen
  • create le vostre email sia con un testo classico sia in versione HTML
  • usate testo ALT descrittivo con tutte le vostre immagini in caso non vengano visualizzate
  • ottimizzate per mobile tutte le pagine di destinazione e i moduli di iscrizione verso i quali conducono le vostre email

Il software HubSpot Marketing ottimizza automaticamente le vostre email e pagine di destinazione per la visualizzazione su dispositivo mobile, in modo che se siete un cliente, sarà già tutto pronto all'uso!

[fonte: How to improve your email marketing with an integrated approach ]

come alimentare e trasformare i contatti in clienti