Il problema di tanti blogger è quello di ottenere una visibilità discreta, alla quale si può aspirare ma che magari tarda ad arrivare. Dovete fare i conti con l'argomento di cui parlate. Se è un argomento di nicchia anche numeri relativamente basi potrebbero essere un successo. Ma aspirare alla maggiore diffusione dei propri contenuti è uno dei principi basilari del marketing contenutistico. Dato per assodato che i vostri contenuti siano di qualche interesse per il pubblico con il quale volete dialogare, ecco, dal blog di David Spinks, alcuni consigli per aumentare l'efficacia della vostra pubblicazione di ottenuti.

Per molti (se non per tutti) uno degli strumenti per valutare come il blog è cresciuto si basa su quanti lettori esso ha.

Non necessariamente devono essere iscritti, anche se personalmente sono dell'opinione che, per determinare il successo, gli iscritti siano un indicatore migliore dei lettori, visto che questa è gente che usa le inbox con e per voi. Ma adesso sto divagando...

Come ogni blogger sa, volere più lettori e ottenere più lettori possono essere due obiettivi profondamente diversi. C'è un mondo di blog là fuori, e le persone possono riservarsi il diritto di passare e investire il loro tempo come meglio credono.

La buona notizia è che c'è un modo in cui potete attrarre nuovi lettori al vostro blog, ed è attraverso la pubblicazione del contenuto. La cattiva, potreste dover rinunciare a un po' di controllo su di esso. Quali sono dunque i vantaggi? Come farsi pubblicare?

Una breve introduzione per definire la pubblicazione del contenuto

Prima di vedere nel dettaglio come far leggere a molte più persone il vostro blog, vediamo in breve che cosa si intende per pubblicazione di contenuto. Il modo più semplice per fare un'esempio è citando i giornalisti locali e le principali sale stampa.

Per la maggior parte delle volte se siete dei giornalisti locali le vostre storie non vengono lette se non "in provincia". Non c'è niente di male in questo, ed è una carriera abbastanza sicura. In ogni caso, una volta ogni tanto, potrebbe capitarvi di scrivere una storia particolarmente interessante che verrà scelta dai giornali nazionali e alla fine vi ritroverete ad essere citati sul New York Times o sulla CNN.

Questo tipo di esposizione può condurre a buste paga e ingaggi più succosi dato che state iniziando a fornire storie (o immagini) a questi grandi sbocchi editoriali, oltre che alla vostra pubblicazione locale dalla quale tutto è iniziato. Questa è la versione giornalistica della pubblicazione dei contenuti.

Ora, trasponete tutto sul vostro blog. È questa la pubblicazione locale e le sala stampa più grandi potrebbe essere Mashable, RedWriteWeb, Techcrunch o Technorati; fondamentalmente, in ogni luogo che potrebbe far parte della vostra nicchia ma che ha un pubblico decine di migliaia di volte più grande del vostro.

Se potete inserire il vostro contenuto nei loro feed, allora potete aspirare al paradiso dei blogger.
Allora come uscire allo scoperto, e quali sono le migliori opzioni per voi?

La guida fai da te per la pubblicazione del contenuto.

Il modo più semplice per far si che i vostri contenuti vengano pubblicati è quello del cosiddetto fai da te.

Si, è anche il modo più dispendioso in termini di tempo, dato che dovete fare tutto il lavoro del portaborse e trovare siti nella vostra nicchia che accettino che i feed del blog vengano condivisi. Ma fino a che non avrete la fortuna di essere notati da altri siti per il vostro contenuto nel blog, l'unico modo per uscire allo scoperto è quello di gettarvi nel mondo della pubblicazione.

Per aiutarvi a rendere questo processo più veloce, ecco alcuni dei migliori (e più conosciuti) siti di pubblicazione e le opzioni disponibili, indipendentemente dalla nicchia del vostro blog:

Alltop: anche se Alltop è criticato da molti, può ancora funzionare come una grande libreria di blog e blogger. Con una serie di topic dalla A alla Z e una pubblicazione facile come l'aggiunta del vostro blog, è un ottimo modo per far leggere il vostro blog a molti nuovi utenti.

Networked Blog: prima di tutto un ottimo modo di condividere i post del vostro blog su Facebook. Networked Blogs dispone inoltre di una libreria di topic da fornire al vostro blog. La cosa fantastica di Networked Blogs è che se riuscite ad avere un numero sufficiente di amici e colleghi su Facebook che seguono il vostro blog tramite la loro app Facebook, potete arrivare in cima alla classifica della lista topic e ottenere di conseguenza ancora più lettori.

Scribnia: Scribnia (del mio amico David Spinks) è diventata una grande risorsa per trovare nuovi blog di qualità grazie al suo sistema di voti. Le persone possono mostrare il loro apprezzamento (o disapprovazione, quindi occhio a mantenere alta la vostra qualità!) del vostro blog con un voto e una descrizione e, come Networked Blogs, questo vi aiuta a salire in classifica facendo visualizzare il vostro contenuto di fronte a migliaia di persone. Anche in questo caso, proporre il vostro blog è semplicissimo.

Queste sono soltanto tre opzioni alle quali potete iniziare a proporre il vostro contenuto per la pubblicazione. Ce ne sono anche altre (ed è qui che Google vi viene in aiuto), ma io ho scelto queste per la varietà degli argomenti e la dimensione del pubblico.

Essendo un metodo per fare crescere potenzialmente il numero dei vostri lettori, la pubblicazione vi ripaga degli sforzi fatti in termini del numero di nuovi lettori che potreste attrarre. Comunque sia, ha anche dei lati negativi.

C'è gente nuova che mi legge. Allora qual è il problema?

Mentre la pubblicazione vi può assicurare nuovi lettori, per sua stessa natura può anche portare ad un numero limitato di nuovi lettori. Se date un'occhiata alle tre opzioni che vi ho proposto sopra, vedrete che ci sono altre centinaia (di migliaia) di altri blogger che si stanno facendo pubblicare.

Allora, per assicurarvi che il vostro blog si faccia notare, dovete sapere come usare al meglio ogni singolo network per farvi pubblicità. Un'interfaccia grafica (o widget) sul vostro blog (Sia Alltop, sia Networked Blogs e Scribnia ve la offrono) è un buon punto di partenza; anche aggiungere il feed pubblicato alla vostra firma email, o su altre destinazioni online non è affatto male per cominciare.

Inoltre, spesso la pubblicazione comporta la perdita di controllo sui vostri contenuti. Per esempio, le persone al posto di condividere i vostri post su Twitter, Facebook etc potrebbero condividere i feed pubblicati. Quindi, il vostro lavoro viene letto, ma i lettori non arrivano necessariamente al vostro sito come avevate previsto al momento della pubblicazione.

Giusto un paio di cose da tenere a mente prima di buttarsi nella strada della pubblicazione. Non c'è dubbio che funzioni, ma fate solo attenzione ad essere pronti agli sforzi necessari per farla funzionare bene.

Dopo tutto, non è forse così che tutti i blog iniziano a crescere?

[fonte:  http://newsle.com/article/0/11558687/]