sito e-commerce

Il contenuto è il re (anche quando si parla di e-commerce).
"Content is king", per gli anglosassoni, da cui abbiamo mutuato questa espressione.
Il marketing contenutistico (ovvero la produzione di contenuti settoriali per dare in qualche modo visibilità, voce o carattere all'azienda) è alla base del marketing di questi anni.
E' anche la condizione indispensabile per poter successivamente "diventare social" ed attivare una programma di social media marketing.
Che ci vai a fare su Facebook se poi non hai i contenuti da proporre?

 Lo strumento ideale per la gestione dei contenuti di una piccola o media azienda o di un e-commerce è il blog.
A differenti livelli d'integrazione con il sito web, il blog costituisce una piattaforma ideale per proporre al pubblico i propri contenuti e farne il perno da cui i contenuti vengono poi divulgati sui social media.
E' interessante notare come per un e-commerce questa possa rappresentare una strategia a lungo termine per qualificare il business di cui si tratta, dare visibilità al marchio ed "essere trovati" su web.
Se il pay per click continua a dare ottimi risultati in termini di traffico di persone direttamente interessante ad un particolare prodotto o brand, il marketing contenutistico può arrivare a fornire una piattaforma di contenuti che possono essere trovati dai possibili acquirenti.
Dipende dal taglio e dalla strategia che intendete adottare con questi contenuti (e dal tipo, anche se la maggior parte delle volte, si opta per contenuti testuali o immagini).
Paul Chaney su PraticalEcommerce.com ci da 9 consigli pratici per chi deve scrivere su un blog di un e-commerce.

1. Rendete blog del vostro e-commerce uno spazio più personale

Ciò che rende unico un blog ha poco a che fare con la tecnologia e molto con la propria personalità.

Per fare la differenza, il suo autore lo deve utilizzare per informare, istruire, ispirare o convincere un lettore. Non è tutto: il lettore instaura una relazione con questa persona, anche se soltanto virtuale.

Identificatevi sempre con il vostro nome e cognome e non come semplice "amministratori", anche se state scrivendo sul blog aziendale. Se possibile, inserite una vostra foto per rendere il tutto ancora più personale.

2. Rendetelo pratico

I blog migliori sono quelli scritti avendo i lettori ben in mente.

Esiste una stretta correlazione fra lo scrivere post su argomenti di cui siete appassionati e lo scrivere per il vostro pubblico. Ci sono alcuni argomenti che conciliano queste due istanze. Dopo tutto, scrivendo in maniera appassionata di qualcosa che vi interessa attirerete un pubblico che nutre il vostro stesso interesse.

Comunque sia, io credo che i blogger debbano usare responsabilmente la loro "penna", enfatizzando i bisogni dei lettori.

  • Scrivete per rendervi utili. Assicuratevi di scrivere cose diverse dalle semplici informazioni sui prodotto. Includete notizie sul vostro settore e tendenze che potrebbero interessare i vostri clienti: in questo modo, migliorerete la vostra reputazione.
  • Concentratevi sul vostro pubblico. Il vostro blog cerca di fornire ai clienti potenziali delle informazioni su un prodotto di cui questi hanno bisogno. È uno dei pochi posti sul vostro sito dedicato esclusivamente ai visitatori e non per l'azienda.

Il tipo di post perfetto ricalca il formato degli articoli "Come fare per..", oppure degli articol con liste di istruzioni come "10 cose che dovete sapere su" oppure "5 segreti per". Questi tipi di post sono popolari fra i lettori perché danno loro informazioni pratiche.

3. Concentratevi su un unico tema

Se state usando il blog a fini di marketing, specialmente in termini di ottimizzazione sui motori di ricerca, fareste meglio a concentrarvi su un unico argomento.

L'esempio perfetto in questo senso è rappresentato da un blog che parla di cialde per caffé. Provate ad andare su Google e cercare "single serve coffee". Molto probabilmente troverete Singleservecoffee.com in cima ai risultati di ricerca, che è un blog che parla esclusivamente di cialde, macchinette per il caffè e altri articoli simili.

e-commerce Il blog Single Serve Coffee si concentra su un unico argomento, molto ristretto. Per questo motivo si posiziona molto bene sui motori di ricerca.

Inoltre, non cercate di esagerare con l'inserimento di parole chiave su un singolo post; non cercate nemmeno di parlare di molti argomenti in una volta sola. I vostri post dovranno focalizzarsi su un unico argomento e su un'unica parola chiave. I motori di ricerca daranno molto più probabilmente la precedenza a post che approfondiscono un singolo argomento e che offrono un contenuto autorevole ai visitatori del web.

4. Adattatelo alla piattaforma

Scegliere la giusta piattaforma è importante. Fatemi spiegare meglio.

Twitter generalmente è considerato come un "micro-blog" in cui i post sono limitati dal numero di caratteri, per la precisione 140. Al contrario, WordPress, Typepad e altre piattaforme blog sono adatte alla scrittura di post molto più lunghi.

E se voleste scrivere post che conservano il carattere aneddotico di Twitter ma senza sentirvi limitati dal numero di caratteri? Potreste prendere in considerazione Tumblr, in questo caso. Tumblr è una piattaforma per blog che si è ritagliata una nicchia nel mondo del micro-blogging, ma con modalità diverse rispetto a Twitter.

5. Rendetelo degno di nota

Non scrivete un post solo per "fare numero". Create un contenuto degno di nota che meriti l'attenzione e il tempo dei vostri lettori.

6. Fate pubblicità al vostro blog

Se usate le email per fare marketing, inserite nel vostro blog un modulo di iscrizione alla vostra newsletter; nella newsletter, inserite un link al blog e fategli pubblicità. Massimizzate la sinergia esistente fra i due, allo scopo di attirare maggiormente l'attenzione del lettore rispetto a quanto potreste fare grazie ad un unico canale. Inoltre, condividete più che potete il vostro post sui social network.

7. Rendetelo originale

Non duplicate il contenuto da un altro blog o sito, potrebbe essere visto come un plagio. Inoltre, non postate lo stesso post in molti contesti diversi.

8. Il blog deve essere la vostra routine

Molti blogger non riescono a pubblicare post con costanza.In ogni caso ricordate che scrivere su un blog non è un'attività che vi richiede un impegno "a tempo pieno".

Se vorrete pubblicare post con una certa costanza dovrete armarvi di pazienza e tempo. La prima può essere imparata, ma il secondo deve essere trovato. Un modo per gestire il tempo è quello di prendersi per tempo con i post: se pubblicate articoli ogni settimana, assicuratevi di scrivere il post della settimana successiva con un certo anticipo.

Ovviamente tutto questo diventa più difficile se il vostro post si riferisce a news recenti, ma è proprio per questo motivo che dovreste avere a disposizione un'ampia varietà di post.

Se state usando il blog per fare marketing, dovreste scrivere non meno di due volte a settimana. Se siete in grado di scrivere con una frequenza maggiore e mantenere comunque un'alta qualità in ogni pezzo che scrivete, fatelo. Il motivo per cui bisogna scrivere spesso su un blog aziendale è che, così facendo, farete ritornare i lettori e vi guadagnerete l'attenzione dei motori di ricerca. Nessuno tornerà su un blog che pubblica qualcosa solo una volta al mese o ogni due settimane.

9. Rendetelo coinvolgente

Se scrivete un contenuto interessante che fa ritornare i vostri utenti, probabilmente questi lasceranno commenti e condivideranno il link al vostro blog nei loro social network, oppure nei loro blog.

Portate avanti delle conversazioni nei commenti. Ogni commento reale dovrebbe ricevere una risposta altrettanto reale. I lettori sono molto contenti quando ricevono risposte; inoltre, se scoprite che un vostro contenuto è stato condiviso dai lettori da qualche parte, ringraziateli e continuate la discussione in quella piattaforma. Se dimostrate la vostra riconoscenza, verrete sicuramente ricambiati.

In breve

Non importa quale piattaforma blog scegliate, quello che conta è che iniziate a scrivere.
I blog sono i precursori dei social media e alcuni li considerano antiquati e superati.
Ma i blog, rispetto ai social media, possono davvero fare la differenza per voi e la vostra azienda, soprattutto in termini di ottimizzazione sui motori di ricerca.

[fonte: http://www.practicalecommerce.com/articles/3793-9-Blogging-Lessons-for-Ecommerce-Merchants]
[origine immagine: http://davidhallsocialmedia.files.wordpress.com/2011/05/contentisking3.jpg]