4 strategie utili a districarsi nella giungla di servizi di web marketing proposti in rete 

4 strategie utili a districarsi nella giungla di servizi di web marketing proposti in rete 

C’era una volta, tanto e tanto tempo fa, nel mare del web, prima che Google mettesse ordine alle cose, il caos. Non si tratta di una favola, ma di una realtà, che gli operatori e gli addetti ai servizi di web marketing hanno vissuto sulla loro pelle, come vittime, in alcuni casi, come artefici, in altri.

Giorni in cui il posizionamento su Google era facile da ottenere.

Giorni in cui bastava collocare qua e là, in testi ed articoli dei vari siti da posizionare, qualche parola chiave, magari con un mero copia e incolla di testi e altre strategie utili allo scopo.

Beh, oggi le cose sono cambiate, e parecchio.

Google ha tirato fuori le unghie: non è facile strappare ora una buona posizione, così come non è facile sfuggire alla minuziosa scansione dei suoi spider.

Google sta, è bene dirlo, semplicemente facendo il suo dovere, ed ad esserne riconoscente è chi, in rete, spende il suo lavoro seriamente.

Purtroppo, però, sembra che proprio che quelli che lavorano seriamente siano ancora, nonostante tutto, ben pochi. Il numero degli “addetti ai lavori” in rete, negli ultimi anni, sta crescendo a dismisura, e questa giungla sembra mettere in seria crisi gli utenti nella scelta del professionista al quale affidare la maggiore visibilità e la crescita del proprio business.

Come fare, dunque, a districarsi in questa ampia giungla di offerte?

Ecco qualche utile consiglio in merito.

  1. Attenzione alle differenze di costo … per settore

Un vero professionista in posizionamento sui motori di ricerca non conosce limiti ed è in grado di lavorare su diversi mercati verticali, in maniera assolutamente indifferenziata.

Il lavoro di posizionamento tiene conto, certamente, del settore in cui si deve operare, ma non necessariamente è giusto che vari in termini di costo in base ad esso.

Ti è mai capitato di imbatterti in un’agenzia che, prima ancora di verificare il livello di concorrenza e di competizione delle keyword di riferimento, il volume di ricerche mensili e, soprattutto, l’attuale posizionamento su Google del tuo sito, abbia chiesto il settore di riferimento del tuo business?

Ti è mai capitato di sentirti dire che il costo, per via dell’appartenenza del sito ad una data categoria commerciale, è più elevato a prescindere?

Non ritieni che sia piuttosto “strano”?

La difficoltà, nel posizionamento e nel web marketing, deve essere misurata previa analisi di una serie di vari e molteplici fattori concorrenti e non può essere preventivamente determinata a “compartimenti stagno”.

Certamente, la categoria commerciale di appartenenza di un sito da posizionare è importante, ma da questo a influire, di per sé, sui costi, di strada ne corre.

 

  1. Diffida da chi ti promette a priori … la luna

Ci sono alcuni consulenti SEO che si trovano agli albori della loro carriera.

A questo punto, è davvero difficile che essi possano far ottenere al nostro sito i “massimi” risultati in termini di posizionamento nelle SERP.

Ciò nonostante, essi godono di poteri di preveggenza: alla legittima domanda “qual è la posizione che il mio sito potrà raggiungere?” la risposta suona così: “ovviamente, la prima posizione della prima pagina di Google!”.

E questo, naturalmente, vale per ogni settore di appartenenza del sito da posizionare.

Un vero esperto in posizionamento sui motori, sa bene che garantire al proprio cliente la prima posizione sulla prima pagina di Google è davvero un po’ … troppo.

Certo, è possibile che ciò avvenga, ma, al raggiungimento di tale obiettivo, concorrono, a ben vedere, diversi fattori di cui tenere conto.

Tra questi: il tempo a disposizione, le keyword sulle quali lavorare e, più importante ancora, l’indice di concorrenza. Il consiglio è, dunque, quello di diffidare da chi, senza alcuna preliminare ed attenta analisi di tutte queste variabili, si senta di garantire, senza incertezza alcuna, subito e sempre e comunque, questo risultato.

 

  1. Diffida dai tabù di chi non ha un piano strategico chiaro e trasparente

Ogni utente che intenda chiedere un servizio di posizionamento sui motori di ricerca deve essere messo nelle condizioni di poter valutare come il professionista nel settore conti di operare allo scopo. Una volta stabilito quale ritorno sugli investimenti ci si può ragionevolmente aspettare di ottenere, è giusto soffermarsi sulle tecniche e sulle strategie che il professionista metterà, allo scopo, in campo.

Il servizio di SEO/web marketing contemplerà anche l’attività di link-building con external links o non sarà necessario?

Il professionista si prenderà carico di ottimizzare i contenuti?

E, in questo caso, essi saranno stravolti? Tutto ciò deve emergere, ammesso che il professionista SEO disponga, come dovrebbe, di un piano di marketing davvero ben organizzato.

Nessun tabù è ammesso, anche se a chiedere un servizio è un soggetto completamente profano in materia.

 

  1. Attenzione alle autoreferenze: meglio guardare i fatti

Ciò posto, ora, passiamo all’altra nota dolente, le “autoreferenze”.

E’ un gran bene che un professionista in web marketing e SEO goda, all’interno del suo sito, di un ricco portfolio. Ma, viene da chiedersi: il primo lavoro di posizionamento non dovrebbe riguardare, prima di tutto, il proprio sito internet?

E’ assurdo che non si diano testimonianze della propria attività di posizionamento sui motori di ricerca prima di tutto con il proprio marchio.

Se un sito che promette la luna non si trova collocato neppure alle prime pagine dei motori di ricerca per almeno una keyword di propria appartenenza nel settore, c’è da chiedersi che credibilità possa mai avere. Ad essere sinceri, agli utenti che intendono, con grande fiducia, affidare il possibile successo del proprio business ad un team di professionisti, probabilmente, non interessano le gloriose storie di successo, ma i fatti.

Le referenze sono degne di considerazione, è naturale ed è giusto che sia così, ma non sono tutto.

 

Non siamo al circo: il posizionamento è cosa seria.

Ad essere degni di interesse non sono solo e tanto i nomi ed i numeri, ma i risultati visibili, ottenuti con correttezza, eticità e serietà.

Ma questa, naturalmente, è solo la nostra semplice e modesta opinione.

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]
4 strategie utili a districarsi nella giungla di servizi di web marketing proposti in rete  ultima modifica: 2016-12-23T19:08:09+00:00 da Giovanni Fracasso


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *