google istant

Come cercare su google più velocemente con Google Instant

Google Instant è il nuovo servizio di Google che modifica come cercare su google aggiungendo la ricerca in real time. Mentre si scrive, la ricerca diventa istantanea - Google fa apparire i risultati della ricerca fino a dove si è digitato - senza più il bisogno di premere invio e cliccare su "cerca" per vedere l'elenco dei rusaltati nella schermata.

Per chi è registrato ai servizi di Google, i risultati di ricerca iniziano quindi ad apparire nell'istante in cui si inizia a digitare
Significa che si può scorrere rapidamente con lo sguardo una pagina di risultati mentre si digita il testo e continuare a farlo finchè non ci sembra di aver centrato il tema.

I vantaggi sono molteplici: le ricerche oltre a diventare più veloci (praticamente immediate) offrono risultati istantanei e rendono le previsioni di ricerca più intelligenti perché aiutano l'utente insicuro ad affinare la propria ricerca.

Questo sistema, di fatto, trasformerà come cercare su Google e i risultati di ricerca su web, che diventeranno così quasi individuali in quanto le variabili utilizzabili dagli utenti sono pressoché infinite e, appunto, ad personam.
In sostanza, anche effettuando la stessa ricerca non è detto che due utenti raggiungano lo stesso risultato, anzi in base alle variabili utilizzate da ognuno per l'affinamento della ricerca stessa, approderanno molto probabilmente a risultati differenti.

I risultati sono diversi per ogni individuo perché dipendono dalla singola web history (presente solo se si è registrati ad un account Google).

Se durante la ricerca ci si ferma per 3 secondi, il programma registra l'uscita del nome di un sito come una "impression": questo si relaziona quindi con pay-per-click (viene vista come una "impressione" anche se non è la ricerca definitiva ma solo una parte parziale di questa sulla quale l'utente si sofferma leggermente in più)

Il web fruito attraverso Google diventa, dal punto di vista "filosofico", il "luogo" in cui milioni di navigatori, grazie alle singole ricerche effettuate e alle variabili utilizzate per effettuarle, compartecipano alla creazione di una sorta di enorme enciclopedia in cui ognuno condivide la propria web history.

GOOGLE INSTANT VS SEO

Ciò che fino ad ora è stato affidato ai SEO per il posizionamento, da oggi sarà frutto della condivisione e della molteplicità delle preferenze dei singoli utenti?
Secondo l'opinione di Steve Rubel direttore di Edelman Digital si.
Rubel infatti sostiene che “Google Instant significa che nessuno vedrà più il Web allo stesso modo, rendendo praticamente impossibile l’ottimizzazione".

A sostegno di questa tesi la questione su cui ci si interroga è relativa all'effettiva efficacia di costruire le pagine ottimizzandole per la ricerca di Google dal momento in cui le ricerche diventano sensibili ai suggerimenti e, di conseguenza, i risultati potenzialmente personalizzabili sulle abitudini di ognuno e non più universali.
La forza del SEO in quest'ottica diminuisce molto.

In realtà però non è proprio così, innanzitutto Google Instant non cambia la maggior parte dei fondamenti del SEO, a partire da crawling, indicizzazione e ottimizzazione dei clic.
Bisogna tenere presente soprattutto che ci sono oltre 200 fattori che Google considera per determinare il ranking di un sito, quindi il numero dei click non è sufficiente.

Ci vorrà un po' di tempo per capire cosa e quanto cambierà per i navigatori.
Le somme si tireranno tra un anno, a fronte di statistiche più complete e con un'analisi approfondita del mutato comportamento dei "ricercatori" che usano Google.