Google + mi piace. Cioè, voglio dire...com'è fatto, come funziona, le relazioni tra gli utenti, le gallerie fotografiche...mi piace il suo feeling.
Di sicuro non ho una cerchia di contatti particolarmente attiva. La stragrande maggioranza delle persone che consoci restano inossidabili su Facebook; molti utilizzano anche Twitter. Ma Google + no, non rientra nel loro orizzonte. Magari si sono iscritti pure. Ma resta una cattedrale vuota, almeno per la maggior parte dei miei contatti.
Il che è un peccato, tutto sommato.

Ha dalla sua l'enorme integrazione con tutto il mondo Google, ma questo non basta. Diventa molto più interessante andare su Pinterest che offre funzionalità differenti rispetto a Facebook (e non solo migliori come invece fa Google +, pur semplicemente limitandosi a quelle). Ce la farà?

Lo scorso settembre ho scritto un articolo su questo blog (lo potete leggere QUI dal titolo "Google + e il probabile minus") dove mi chiedevo se Google non avesse peccato di superbia pensando di spostare utenti da Facebook semplicemente facendo meglio alcune cose. I miei dubbi restano. Anche se non sono più tanto convinto che Google sia così interessato ad un confronto diretto.
Il dubbio me l'ha fatto venire Ocampo e in questo articolo che ho riportato: "Google + tra identità, SEO, ruolo e futuro". Consiglio la lettura.
Mi resta un po' di amaro in bocca (ma è colpa mia, dettato da fatto che non riesco a trovarci una collocazione all'interno della mia identità digitale) ad utilizzarlo solo per rilanciare qualche articolo del blog e non per stabilire relazioni sociali di maggior peso.

Antonio Lupetti (in arte Woork, uno dei più seguiti blogger italiani) qualche giorno fa ha postato un atto d'amore, dicendo che lui ci crede e vuole (ri)provarci. Vorrei avere la stessa spinta...

 

Un entusiasta della prima ora a 360° di Google+  è stato anche Jeff Bullas, per una serie di motivi che elencava in un articolo di luglio dell'anno scorso, all'epoca in cui Google  era stato appena presentato (qui l'articolo consultabile). Il perno del suo discorso: "Credo che il nuovo social network di Google sia un social network di seconda generazione che collegherà un  mare di isole, puntini e dati e che , prendendo le distanze  da Facebook, sta portando il web verso nuovi livelli. Sarà una rete online in cui ogni elemento delle nostre vite e della nostra personalità verrà amplificato da un Internet sempre più pervasivo, un' intelligenza artificiale che può essere visualizzata online e condivisa (se decidiamo di farlo) in diverse maniere."

Bullas ha fatto l'analitico: "Ho giusto avuto un assaggio della parte più superficiale di questo ecosistema durante la prima settimana dello studio sul campo (mi sono sentito quasi un topo da laboratorio), vedendo gli esperti e i cani sciolti dei social media sdoganare elogi e occasionali commenti critici versando allo stesso tempo parole, immagini e video nel flusso continuo di condivisioni ed opinioni. Ho approfondito ulteriormente la quesitone, scoprendo un'usabilità che rende Facebook scomodo e sgangherato."

Si spinge oltre: "Google + può essere usato quasi come Twitter (se riuscite a creare un grande cerchio di contatti) e si impegna a fondo con ottimi contenuti multimediali proprio come Facebook; tuttavia,credo si evolverà molto più di quanto potremmo mai aspettarci."

Insomma, un unico social per fare qualsiasi cosa...Ma al di là dell'entusiasmo iniziale c'è un ragionamento fatto da Bullas che non può che essere condiviso: integrazione

Seguiamo i ragionamenti di Bullas.

***

I grandi piani di integrazione

Google prevede anche di dominare il social web di seconda generazione con un alto grado di integrazione fra tutte le sue piattaforme, dalle piattaforme mobile a quelle video.
Ecco  quello che probabilmente verrà aggiunto a Google nei prossimi 12 mesi ;date un'occhiata  alla sezione del menu di Google+  vicino alla scheda Jeff+ sul vostro profilo.
Consideratene l'importanza, visto che Google svilupperà tutti gli elementi delle sue risorse online per integrare Google+!
Cosa dice Google a proposito dei suoi piani futuri?
Discutendo con alcuni giornalisti questa settimana, il presidente del consiglio d'amministrazione Eric Scmihdt ha affermato che Google è soddisfatto della risposta rapida che Google + ha ricevuto e si prepara a usare la sua identità e l'idea del "circolo" in tutti i prodotti Google.
"A mano a mano che trasformiamo le nostre risorse secondo l'idea che voi avete di Google+ , c'è una buona dose di perfezionamento di prodotti in termini di ricerca di base, Youtube, mappe eccetera, che dovrebbe spingere ad utilizzarli . L'idea è che a mano a mano che questo crescerà di importanza e spiccherà il volo, l'infrastruttura + verrà finalmente applicata ovunque."

Google ha le risorse web per minacciare Facebook
Che cosa può offrire Google+ che Facebook e Twitter non possiedono? Oltre ad avere un' interfaccia utente davvero attraente e intrigante,  la risposta sta in un'ampia gamma di proprietà web con centinaia di milioni di utenti.

Facciamo alcuni esempi:

Email

Ci sono ad oggi oltre 200 milioni di utenti Gmail secondo un articolo del Guardian; con l'aggiunta di Google plus su Gmail l' evoluzione delle email sarà anche parte integrante della rivoluzione del social web (oltre a diventare il sistema di messaggeria privata di default su Google+ ). Gli utenti potranno usare Gmail  tramite Google+ e usare altre opzioni per inviare i messaggi.

Video

Youtube vanta una massiccia base di utenti, stimata intorno ai 490 milioni in tutto il mondo; se aggiungesse un Google + integrato potrebbe creare una sinergia, potrebbe invitare le persone a iscriversi sul network di Google+ o con l'obbiettivo di conquistarsi una maggiore forza virale.

Mobile

Android è la piattaforma mobile a più rapida crescita per smarrì phone ed ha attualmente la maggiore fetta del mercato rispetto all' Iphone Apple secondo dati Nielsen(al 38% rispetto al 27% di Apple) con Nokia, Blackberry e Microsoft che nel frattempo sembrano arrampicarsi sugli specchi. Inserire Google+ nel sistema operativo di Android sarà un'ottima ragione perché gli utenti entrino a far parte della cerchia di Google+. Circa 500.000 telefoni Android vengono attivati ogni giorno secondo Wikipedia, quindi considerando questo tasso giornaliero ci dovrebbero essere più di 360 milioni di utenti Android nei prossimi due anni , persone che aggiungono altro carburante al crescente potenziale di Google+.
L'integrazione di Google+ con Android ha probabilmente giocato un ruolo essenziale per far diventare Google+ un successo: in questo modo mobile e social si combinano in un mix che crea dipendenza. Dati dal Regno Unito (The Guardian) evidenziano che circa metà dei minuti passati online su cellulare in Dicembre erano per dedicati a Facebook.

Google Maps.

Non so voi ma io uso Google Maps sul mio iPhone o computer diverse volte al giorno. Immaginatevi il potenziale di un Google+ integrato su Google Maps.

Immagini

Picasa si chiamerà Google Photos e con questo nuovo nome del brand si aggiungeranno caratteristiche e funzioni che saranno incluse nella strategia di integrazione di Google+.

Blog

Blogger è uno dei 5 maggiori siti internet al mondo e anch'esso cambierà nome, come parte del progetto Google +. Sono sicuro che Google sarà molto persuasivo quando vi inviterà ad iscrivervi a Google+ per migliorare il vostro account blogger.  Non ho scritto il numero esatto di utenti per ognuna queste 6 proprietà web ma è un'interessantissima base utenti che si sfiora il miliardo.

***

Il processo di integrazione, a distanza di qualche mese da queste affermazioni è già iniziato (se sei utente di Google + sei anche utente di Youtube ;)) e tutto fa pensare che prosegua spedito per la sua strada. Analytics stesso considera interazioni social nel vero senso della parola solo quelle che arrivano da Google +.
La dice lunga su come verrà combattuta questa guerra.