Non è un articolo riservato agli addetti ai lavori. Se sapete cos'è un #hashtag forse potete passare oltre. Ma c'è un sacco di gente che di fronte a queste parole resta ancora un po' tiepida, non comprendendo il grande significato culturale e sociale che stanno comportando. Vi sembrerà strano, ma credo che la maggior parte dei vostri conoscenti ancora ignori di cosa stiamo parlando...
Se li usi - e in particolari modo, se li usi bene - dopo un po' ti viene da metterli anche su Facebook se non stai attento. Su Instagram si sono integrati alla perfezione e sono sicuramente uno degli elementi "forti" che hanno contribuito al successo della piattaforma.

1

Gli hashtag sono una delle migliori invenzioni che la piattaforma di Twitter abbia introdotto.
Usando gli hashtag, possiamo interagire con persone che hanno i nostri stessi interessi, possiamo creare "chat room" pubbliche e discutere di argomenti specifici con la collettività.
Alle aziende e agli esperti del settore, gli hashtag permettono di generare passaparola, guadagnarsi un numero maggiore di followers e portare avanti discussioni rilevanti.

Che cosa è un hashtag

L'idea che sta dietro ad un hashtag è piuttosto semplice.
L'hashtag consiste nel simbolo del cancelletto (#) seguito dal nome dell'hashtag stesso; un hashtag, di solito, è una parola o una serie di parole senza spazi. Per esempio, #tuttosuglihashtag o #hashtag101. Gli hashtag sono indicati a conclusione di un tweet o al suo interno.
Se le persone vogliono partecipare a quella conversazione tramite l'hashtag, possono semplicemente cercarlo su Twitter per risalire a tutti i tweet taggati con quell'hashtag. Strumenti esterni come HootSuite possono trasformare gli hashtag in feed che potete seguire in parallelo ai vostri feed principali.

Perché dovreste creare un hashtag?

Ci sono diverse ragioni per crearvi degli hashtag. Prima di tutto, vi rendono un'autorità nel campo e vi aiutano a costruirvi una certa credibilità intorno; di conseguenza, potrete creare voi stessi una tendenza piuttosto che doverne seguire una. Se vi inventate regolarmente nuovi hashtag che verranno effettivamente usati, le persone inizieranno a considerarvi come qualcuno che merita di essere ascoltato.

Inoltre, se sarete voi a definire le tendenze in termini di hashtag, verrete retwittati più spesso. I vostri tweet saranno ben in evidenza nelle conversazioni che utilizzano l'hashtag. Sono un ottimo modo per far sentire la vostra presenza su Twitter.

Infine, potrete creare e gestire delle conversazioni interessanti; gli hashtag vi permetteranno infatti di creare discussioni stimolanti che interesseranno tutta la vostra comunità e quelli che sono ad essa legati. Nessun altro mezzo pubblicitario vi può offrire gli stessi vantaggi.

Vediamo dunque come si lancia una campagna basata sugli hashtag.

1.Stabilite chiaramente un obiettivo

Cosa volete che faccia quell'hashtag? Potreste aver bisogno di un hashtag perché:

- Volete organizzare un concorso

- Volere organizzare una "tweet-cronaca" live

- Volete generare passaparola

- Volete generare una discussione stimolante

- Volete analizzare una tendenza

- Volete che le persone vi propongano delle idee

Stabilite chiaramente le ragioni che vi hanno spinto a produrre un hashtag. Avendo le idee ben chiare in testa sarà più semplice scegliere il tag che permetterà ad un tweet di diventare virale.

2.Sondate il terreno

Prima di lanciare il vostro tag, svolgete qualche ricerca. Usate strumenti di ricerca tag come Tagalus e Hashtags.org per scoprire se esiste già un tag simile o uguale al vostro. Se esiste, avete due possibilità: partecipare a quelle conversazioni oppure crearne di parallele.

Se non esistono tag belli come i vostri, siete sulla strada giusta!

3.Come lanciare i vostri tag

Ogni paio d'ore, postate un tweet ben scritto con il vostro hashtag in evidenza. Usate strumenti come TweetDeck o Hootsuite per programmare i vostri tweet in modo da non doverli pubblicare manualmente.

Successivamente, usate un servizio di monitoraggio come Twilert per controllare i vostri hashtag, in modo da sapere quando qualcuno posterà un tweet usando il vostro hashtag. Stimolate il dialogo, partecipate alle conversazioni, convincete le persone a ad utilizzare il vostro hashtag.

Date ai vostri hashtag un po' di tempo per prendere piede: a volte si diffonderanno in modo estremamente rapido, altre volte ci vorranno un paio di settimane. Osservate da vicino la rapidità con cui si espande il vostro tag e continuate a mantenerlo "vivo".

Assicuratevi anche di inserire il vostro tag negli strumenti web di indicizzazione dei tag.

4.Approfondite la relazione

Non tutti i tag che lancerete avranno successo. Alcuni avranno un successo incredibile e veranno utilizzati in molti più tweet di quelli che vi sareste mai potuti immaginare. Dopo ogni campagna di hashtag, fate un passetto indietro e verificate quello che ha funzionato e quello che non ha funzionato.

Dopo la campagna, approfondite il rapporto con i vostri nuovi follower. Inviate loro dei messaggi diretti per presentarvi e iniziare a costruire una relazione. Ricordatevi che creare un'hashtag non è che il primo passo.

[fonte: http://blog.socialmaximizer.com/why-you-should-create-your-own-twitter-hashtag-and-how-to-do-it/]

Per CONSULENZA e FORMAZIONE per il SOCIAL MEDIA MARKETING della TUA AZIENDA clicca qui.