o2n laboratorio

Intercettare prima degli altri i cambiamenti che avvengono nella società permette di proporre soluzioni che possono aiutare questi cambiamenti ad inserirsi nel tessuto connettivo e produttivo delle nostre realtà.

Nella frammentazione estrema delle specializzazioni che sta vivendo il mondo del digitale, dare risposte in modo organico e complete, inserendo tutte le professionalità all'interno di grandi strutture, diventa sempre più difficile. E' la crisi del modello di agenzia di comunicazione territoriale, che vive una verticalizzazione delle competenze per riuscire ad essere ancora competitiva sul mercato. Ed è comunque un lavoro improbo ed eroico: riunire sotto lo stesso tetto e riuscire a pagare lo stipendio all'esperto di contenuti, a quello SEO, al copy, al programmatore, al web designer, allo specialista di programmazione pubblicitaria online, al social media manager, al grafico, all'analista... diventa complicato. Altrettanto complicato, per un'agenzia, esternalizzare parte del lavoro ad altri soggetti di pari dimensioni o di segmentazione simile presenti sul mercato: da un lato per la possibilità di questi di ampliare la vendita al cliente con proposte concorrenti, ma anche per una certa diffidenza nel costruire rete con aziende in competizione o che possono proporre ai clienti la stessa offerta.

Ecco che l'iperspecializzazione dei liberi professionisti sta vivendo una stagione molto interessante: con tutti i distinguo del caso, quanto più la categoria presa in esame riesce a "pubblicizzarsi" e a presentarsi con un'aurea vincente, tanto più la categoria tre giovamento. E' il caso, per esempio, dei SEO specialist o dei Social Media Cosi, professioni di cui le aziende cominciano ad andare ghiotte, in ambiti dove i risultati si riescono a monitorare con il passare dei mesi e sui quali l'imprenditoria ha capito le possibilità di monetizzazione nel medio e lungo termine.

Ad Arzignano nasce O2N laboratorio, un'esperienza fisica in uno spazio commerciale convertito in sede di un'associazione che ha lo scopo di riunire professionisti diversi che si occupano di design, comunicazione, tecnologie e vendita. Per tentare di costruire un circolo virtuoso in grado di rispondere in modo "largo" alle sollecitazioni che possono arrivare dal mercato. Uno spazio che possa trasformarsi da un luogo ad una comunità in grado di essere fornitori o, meglio creatori.

Ecco quindi che l'associazione ha aperto alle porte alle idee e ai capitali.
In una dinamica bidirezionale: da un lato O2N Laboratorio vuole essere un incubatore di idee (nate all'interno o colte dal territorio circostante) in grado di fare sintesi sul progetto, agganciarlo a possibili investitori e poi confezionarlo per la vendita. Parliamo di prodotti di design, di moda o di progetti innovativi legati all mondo digitale (app mobile o applicazioni web).
Ma anche, al contrario, per chi ha già il prodotto e vuole trovare un'equipe di professionisti da assoldare, al servizio delle proprie idee.  Da questo punto di vista, una struttura estremamente fluida e dinamica che sostituisce un'agenzia che si occupa di comunicazione, di commercializzazione di beni e di progetti complessi da gestire all'interno di un'azienda con le risorse a disposizione.

E' un esperimento, che fa di questa sua fluidità un continuo "in divenire", ma che merita queste due parole.