consulente SEO

SEO e web marketing non sono mondo differenti, ma uno fa parte dell'altro.

Il web marketing si occupa di tutte le operazioni, strategie e tattiche che portano il marketing aziendale su internet.
Wikipedia spiega il web marketing come quella branca delle attività aziendali che  "sfrutta il canale online per studiare il mercato e sviluppare i rapporti commerciali (promozione/pubblicità, distribuzione, vendita, assistenza alla clientela, etc.) tramite il Web."
Quindi l'attività di SEO fa parte del grande mondo del web marketing: ottimizzare i siti e lavorare su di essi per aumentare il traffico è solo una delle attività necessarie.
Perché portare traffico su un sito che non riesce a presentare i valori dell'azienda, a vendere i suoi servizi o a generare lead di contatto, o - semplicemente - visitatori poco interessati all'offerta che il sito web presenta, serve veramente a poco.

La SEO, che oggi è il trend del web marketing che va per la maggiore - tutti alla ricerca di nuovi possibili clienti per combattere la crisi - a sua volta utilizza differenti specializzazioni:

  • il sistemista per tirare a lucido il server  e i file di configurazione del sistema;
  • il webdesigner per lavorare su un codice pulito, armonico ed impostato correttamente (oltre che su un sito usabile ed orientato alla comprensione dei navigatori);
  • il programmatore per realizzare script funzionali, ottimizzare e personalizzare funzioni;
  • il copy (che sa ragionar in ottica SEO) che si dedichi alla produzione dei contenuti
  • un analista che interpreti i risultati di accesso al sito, delle ricerche...
  • qualcuno che si occupi della strategia, definendo le parole chiave principali, quelle pertinenti, quelle laterali etc.. e si confronti con gli obiettivi di marketing, affinché il lavoro degli altri abbia  senso.

Ovviamente la SEO non è l'unico ramo del web marketing che occupa differenti posizioni. E spesso i vari rami si intersecano.
Per esempio, nella strategia di branding, di valorizzazione del marchio o del prodotto, la produzione dei contenuti - il marketing contenutistico - ha un valore a se stante, che ragiona su corde differenti rispetto alle necessità di SEO. MA che deve coniugarsi. Quando si scrive un contenuto pensando che questo porti un valore all'azienda o al prodotto che si sta promuovendo, non si può non pensare di scriverlo secondo i buoni principi basilari che ne fanno un contenuto potenzialmente ben posizionatile sulla SERP di Google. Ugualmente, non andare a verificare i trend di utilizzo di una determinata keyword rispetto ad un'altra, con relative considerazioni su quale sia meglio utilizzare per l'ambito di penetrazione del contenuto che ci accingiamo a scrivere, è oggi inaudito.

Che dire poi del social media marketing, o - meglio - dell'attività di social media optimization: ha bisogno di contenuti, contenuti che si facciano trovare ha bisogno di immagini ben realizzate, ha bisogno di un'attività di copy con frasi brevi e ad effetto per funzionare sui differenti social media, ha bisogno di una promessa di valore alta per il pubblico al fine di farsi notare, ha bisogno di una strategia a monte e di un sacco di competenze differenti.

Proprio questo grado di professionalità e di specializzazione, di cui hanno bisogno settori della pubblicità aziendale così vicini ma così diversi (come appunto la SEO e il web marketing), spinge alcuni a sostenere che oggi il web è troppo costoso per la piccola e media azienda. O, anche se non lo è, i grandi risultati hanno bisogno di grandi investimenti e questi grandi investimenti le piccole aziende non se li possono permettere.
Non è solo una questione di costi base (si veda per esempio quanto costa un sito web, quanto costa l'attività di seo, quanto costa la produzione di contenuti) ma di inquadramento generale dell'investimento.

Purtroppo poi, il mercato della SEO, della produzione di contenuti, della realizzazione di siti web è viziato da una prospettiva molto da "imprenditore italiano medio" che si risolve in poche frasi, stile queste:

  • mio cugino me lo fa a meno
  • fammelo a poco e poi usalo come pubblicità
  • ma dai tutti questi soldi per star lì davanti al computer
  • fammelo gratis e poi ti do una percentuale
  • e quanto vuoi metterci a scrivere qualche frase.

Ora, tutte frasi vere, e sicuramente voi imprenditori che state leggendo non lo fate, ma vi assicuro che capita ad un sacco di gente: si tratta di star lì davanti al computer, dai fai.
Il vero problema è che è un mercato viziato proprio dalla facilità "d'entrata": non servono diplomi per mettersi a smanettare con Photoshop e Dreamweaver e realizzare una grafica o una sito web. Succede così che mi capita di trovare siti realizzati da grafici, da pseudoimparati o da programmatori...ognuno dei quali potrà avere un controllo pieno sulle skill della propria professione, ma quando parliamo di struttura del sito, organizzazione dei contenuti, architettura dell'informazione, imporsi sulle scelte strampalate del cliente con categorici "no è una boiata"...non ci siamo proprio.

Ed è proprio da una diffusa mancanza di competenze e di professionalità, di imparare a riconoscere i limiti del proprio ruolo, dalla necessità di fatturare per arrivare a fine mese - e quindi vendere a poco un lavoro che realizzi da solo - che la stragrande maggioranza delle aziende che ha un sito da oltre dieci anni si lamentano perché "internet non mi ha mai portato clienti".

Torniamo alla competenze per fare SEO, per il marketing contenutistico, per una strategia complessiva di web marketing: credete che una persona da sola riesca a fare tutto questo? Il "pistolero solitario" esperto e guru di qualsiasi cosa abbia a che fare con il web, non esiste (ad esempio: io non faccio grafica, io non realizzo sito web, io non mi occupo della sistemistica server, io non sono un creativo che pensa alle campagne pubblicitarie. Io faccio il consulente, l'analisi.
Tutto il resto lo fanno gli altri membri del team con cui lavoro, competenze all'interno delle aziende con cui lavoro, partner con i quali gestisco lavoro più complessi).

Il web marketing è la summa di tutte le pratiche digital dell'azienda, in un approccio olistico dove si deve governare la complessità di un web sempre più maturo - e sempre più costoso.

No, il pistolero solitario che ti fa il sito, la seo, i testi, l'ottimizzazione, la gestione social e tutto il resto non ha alcun senso di esistere.