social media marketing

Sesso su Twitter a pagamento o per diletto, ricerca del bull per coppia, esibizionismo, scambio di contatti per incontri virtuali e molto altro. Il lato oscuro (oppss..a luci rosse) del più famoso sito di microblogging.

sesso su twitter nudo porno online

Sesso su Twitter, proprio lì, proprio dietro l'angolo: da una parte trovi i politici nostrani che si scambiano battute al vetriolo, giornalisti che amplificano il loro ruolo diventando protagonisti della nostra vita in diretta, avvisi  in real time su quello che accade nel mondo, dallo tsunami al terremoto.
E dall'altra, proprio lì vicino, a distanza ravvicina, eccolo: il porno su Twitter.
Il lato di Twitter che la maggior parte di voi ignora: sesso a pagamento, escort, amatori convinti, coppie dissolute e una grande e varia umanità di cui non vi eravate accorti, tutti presi nelle vostre discussioni per salvare l'universo.

Se vi addentrate scoprite un mondo popolato di account senza nome e cognome ma che sopperisce con foto che non lasciano nulla all'immaginazione. Basta un click sull'hashtag giusto, il profilo di un amico di un amico, per scoprire un mondo di scambi di proposte osé e pubblicazione di foto amatoriali decisamente hard.
E non ci sono neppure tanti filtri per arrivarci: non è un sito porno nel quale finite con volontà definita.
Qui, per trovarvi di fronte al monitor la foto di un bastone nerboruto e una farfallina con le ali aperte, ci vuole davvero poco.

Il sesso su Twitter è ad un click di distanza dal retweet per liberare tutti i prigionieri di tutte le guerre.

Si trova di tutto, nel multiuniverso dell'eros: dalla ricerca del terzo da aggiungere alla coppia, agli annunci per dei sani due più due. Dalle foto della sera precedente trascorsa in allegria alle proposte d'incontro per il tal giorno. Dal sesso virtuale al reale. Senza confini e senza tabù.

Cosa cambia rispetto a Facebook? Oltre ad una maggiore libertà, sicuramente il fatto che qui tutto avviene alla luce del sole: citazioni e risposte pubbliche sugli argomenti più pruriginosi, scambio di foto e chi più ne ha più ne metta.

È un esibizionismo social che cresce di pari passo con la crescita di Twitter, senza censure e con molte perplessità.
Le mie perplessità non derivano dall'essere un pornoscettico (porno libero ovunque, per carità, soprattutto quello amatoriale, suvvia sfogatevi) ma dal fatto che tutto...è lì. Cioè...non sono due siti...è tutto dentro allo stesso circuito e non sempre vieni avvisato che il contenuto a cui stai per accedere è vietato ai minori.
Il confine tra il mondo di cui parlano i giornali e questo dove i cinguettii diventano uccellini in carne è per la maggior parte dei noi un account da seguire.

Ecco sette regole/consigli per il pornotwittero in erba (specifico che il pornotwittero a cui scrivo questi consigli è di genere maschile: le femminucce tendono ad essere infinitamente più intelligenti nel loro avvicinamento al tema...e soprattutto, più guardinghe.)

  1. Non usare l'account ufficiale della tua azienda per seguire gli adepti del sesso su Twitter. A meno che tu non voglia associare l'immagine della tua azienda al business del porno...
  2. Non usare neppure il tuo account, ne vade il tuo lavoro futuro presso qualche azienda che potrebbe spulciare tra i tuoi interessi online.
  3. Meglio usare un account tarocco e cerca di non mettere la foto del tuo viso. Qualcuno prima o dopo ti sgamerebbe. A meno che non sia tuo interesse farti pubblicità associando le tue generalità al sesso spinto.
  4. Non essere il solito frettoloso e cominciare pubblicando come foto del profilo le tue parti intime. Non a tutti piace dialogare con un fallo in erezione. Sii più discreto, aspetta che qualcuna te lo chieda. Pubblicamente. Così giustifichi tanta voglia di mostrare le tue parti basse.
  5. Dialoga. Non devi solo tampinare. Quelli che ti stanno attorno sono sì interessati al sesso, ma sono anche essere umani. Sei su un social network e l'attività social è importante. Anche se l'obiettivo di tutti poi è ciulare. Ma questo è l'obiettivo di chiunque, anche delle "twitstar" che in questi bassifondi non razzolano.
  6. Se hai una lei hai due possibilità: o la coinvolgi o stai estremamente attento a non farti scoprire. Nel primo caso, se è una furba, prima o dopo ne troverà uno meglio di te e ti lascerà per percorrere una vita votata al piacere. Se invece scegli di nasconderle tutto, sappi che prima o poi ti scoprirà. A quel punto si interesserà al tema e ti lascerà per una vita votata al piacere.
  7. O sei uno di quelli che ciulano e pubblicano foto ciulanti di amanti che vanno e vengono trovate grazie a questo nuovo mezzo...o sbavi sulle foto di quelli che lo fanno. Lo capisci subito: se dopo un paio settimane con il tuo nuovo account non hai portato a letto nessuno, chiudi tutto e riparti con un nuovo account e una nuova attitudine. Oppure torna a salvare l'universo con il tuo account ufficiale.

Il fenomeno, come dicevo, è in espansione. Cresce Twitter e cresce pure questa "sezione" interna.
Non è di per se un male. C'è controllo, si può monitorare e controllare. Soprattutto quando arrivano deviazioni delle "corrette pratiche" che conducono al penale. E poi nella vita c'è anche questo.
Perchè non dovrebbe esserci nei social network, specchio delle nostre passioni e piaceri?

Per CONSULENZA e FORMAZIONE per il SOCIAL MEDIA MARKETING della TUA AZIENDA clicca qui.