usare i testimonial sul blog

Cos’è un testimonial?
Tentando di spiegarlo con parole semplici si potrebbe dire che è un cliente, che ha provato un prodotto o un servizio e porta la sua testimonianza sulle qualità di questo.
E' un marketing contenutistico spinto sulla propagazione dei contenuti da parte di terzi. Genuino.

Ovviamente un’azienda è interessata solamente (? mah) alle opinioni negative, che possono essere utilizzate per costruire una buona immagina e consolidare la reputazione di una campagna pubblicitaria.

Ma un testimonial può essere anche un personaggio famoso che irrompe in una campagna pubblicitaria di un’azienda con lo scopo di raggiungere un pubblico maggiore e convincerlo all’acquisto. Le testimonianze più vere sono quelle degli utenti anche perché - generalmente - arrivano gratuitamente e non lo fanno “per lavoro”.

1) Quando un testimonial è efficace?

  • Quando è specifico (le testimonianze vaghe e senza scendere nei dettagli sanno di superficiale e non convincono)
  • Quando pone anche delle obiezioni (da credibilità al discorso, un utente solo entusiasta è meno convincente)
  • Quando si comprende l’importanza del contesto d’acquisto (se il testimonial parla di quelle informazioni che vengono chieste nel momento dell’acquisto è un #win)
  • Quando l’oggetto dell’intervento parla degli utilizzatori e non del prodotto.

2) Consigli per fare buon uso dei testimonial

  • Chiedi come si sono trovati con il prodotto non di promuoverlo
  • Attento a quello che chiedi e a come lo chiedi (ad esempio il nome, l’età e il luogo sono informazioni che danno credibilità)
  • 
Non correggete. Le testimonianze devono essere reali, il testimonial deve trasmettere “realtà” e quindi vanno bene i suoi modi di dire, imprecisioni o altro.
  • 
Usateli per completare. Chiedetegli dettagli sul prodotto di cui parla la vostra campagna per avere opinioni al riguardo di quello che scrivete. Ma anche altre cose per mettere in evidenza aspetti dei quali voi non parlate nella comunicazione corporate.
  • Non fate delle recensioni FAKE.
  • Incoraggiate la specificità, la precisione, i dettagli.
  • Non preoccupatevi se i testimonial parlando anche di altre cose, di se stessi od esperienze personali non proprio attinenti, non siate troppo concentrati su voi stessi: sembrerebbe pagato per non parlare d’altro.
  • 
Non utilizzate i “testimonial guru” che sono conosciuti e pubblicizzano qualsiasi cosa venga loro proposta.
  • Presentate il loro sito ma non linkatelo.
  • Non mettete troppi testimonial in un’unica pagina dedicata alla vendita: l’effetto di troppi che parlano bene della stessa cosa fa diminuire l’importanza di quello che dicono.
  •  Utilizzate le foto di chi parla, della loro esperienza d’uso con il prodotto.
  • 
Utilizzate un video.

 

Per CONSULENZA e FORMAZIONE per il SOCIAL MEDIA MARKETING della TUA AZIENDA clicca qui.