Il blog è uno splendido strumento per affermare e rivendicare la propria presenza online. Ma come fare per ottenere più visibilità? Il viral marketing è il fine ultimo di chiunque sappia cosa significhi la parola. Fare in modo che i tuoi contenuti prendano vita propria e comincino a diffondersi nel web è l'obiettivo di tutti. MA ahimè non è così semplice.
Non basta pubblicare qualcosa per ottenere centinaia di mi piace, di retweet e condivisioni.
Il contenuto proposto deve attrarre, essere interessante, coinvolgere il nostro pubblico di riferimento.
Senza investire in nuovi contenuti stimolanti ed affascinanti (un video, un ADV, un evento...) c'è uno strumento che molti hanno già a disposizione: il proprio blog.
E allora...perché non lavorare per rendere il proprio blog ricco di contenuti virali?

Il blog è nato come diario della vita delle persone online. Il nome deriva dalla combinazione dei termini inglese-web log (letteralmente diario di bordo online), che si è poi evoluta nella forma coniata a fine anni 90 -we blog-

Le stime dicono esistano fra i 150 e i 200 milioni di blog a seconda che ci affidiamo a Wikipedia oppure ad altre fonti.

I blog si sono ora evoluti diventando dei moderni e preziosi centri multimediali dove le imprese e i singoli blogger forniscono informazione in ogni formato media su diverse categorie di interesse che danno cibo in abbondanza agli affamati lettori tramite feed RSS, come "Google Reader".

Sul sito di Jeff Bullas è apparsa un'analisi sul ruolo del blog oggi e di come questo affiancarci nella distribuzione di contenuti virali (qui l'articolo originale)

La pratica del Push publishing
Piuttosto di andare a scovare, seguendo i dieci blogger più in vista del vostro settore, le ultime informazioni sull'argomento che vi interessa, potete incollare l'url del Blog (indirizzo web) nel campo "aggiungi un'iscrizione" su Google Reader e vi ritroverete fresche di pubblicazione ogni giorno senza cercarle.
Questo è il cosiddetto "Push Publishing" che fondamentalmente vi risparmia la fatica di dare loro la caccia e dover visitare ogni singolo sito del vostro blogger preferito. Questo aspetto dei blog e del recupero delle notizie è quello che sta minacciando il tradizionale settore editoriale delle riviste, a mano a mano che le persone affollano la rete in preda alla sete di informazione e divertimento.

L'evoluzione dei Blog
L'evoluzione dei blog finora è progredita a tal punto che proprio di recente uno dei blog più importanti del mondo, l'Huffington Post, è stato venduto per più di 300 milioni di dollari(si trova ad oggi alla 98 posizione delle proprietà online più trafficate sul web secondo Alexa.com). Anche dei blog come Hubspot hanno livelli di traffico che lo posizionano nella top 1000 dei più importanti del mondo!

I blog non stanno scomparendo e Facebook senza ombra di dubbio non ha spazzato via i blog, semplicemente si sono evoluti in una piattaforma che probabilmente non avete riconosciuto a prima vista.

Consigli per usare il blog come fulcro della pubblicazione virale online

Quando le persone scrivono un post nel loro blog cliccano sul bottone -pubblica- e si aspettano che altre persone alla fine lo trovino.
La triste realtà è che quando iniziate siete soltanto un piccolo blog microscopico in un'universo intricato che si misura in anni luce.
La chiave per i blogger , compresi i brand e i blogger individuali, sta nella necessità di dire al mondo che esisti. Lo chiamano " marketing".
Aspettare di essere trovati è in effetti un'esperienza piuttosto desolante che non ho l'intenzione di provare. E voi nemmeno, almeno spero.

Il principio imprescindibile è costituito dalla promozione e pubblicazione del vostro blog tramite "avamposti" di social media.

Dunque, una volta che avete pubblicato il vostro "pilastro" intimo e familiare dovete finalmente lasciare che i vostri fan e followers siano in grado di trovare e leggere il post sul vostro blog ovunque essi si trovino.

Come già saprete con circa 700 milioni su Facebook e oltre 200 milioni di utenti su Twitter, assicurarsi che esso venga pubblicato e pubblicizzato dove gli utenti vivono e si nutrono avidamente di contenuti online , è di vitale importanza per far uscire fuori il vostro blog alla luce del sole.

Facebook come un'ambasciata.

Un modo per pensare a Facebook è trattare la vostra pagina come una sorta di ambasceria in terra straniera dove i vostri ambasciatori(i fan) raccontano al paese Facebook la vostra storia.
Su Twitter voi twittate i post del vostro blog più recenti ai vostri followers che, se soddisfatti del contenuto, lo ritwitterano ai loro compatrioti!

Quindi pubblicate e promuovete il vostro contenuto su queste ambascerie di social networking e social media e non siate timidi perché il mondo vi sta aspettando.

Alcune semplici consigli per diffondere il contenuto del vostro blog

Queste sono alcune delle principali piattaforme dove pubblicare contenuti e alcune idee per aiutare le persone a condividere il loro contenuto e materiali del blog.

Esistono diversi altri siti come Technorati, Digg e Stumbleupon dove vale la pena condividere qualcuno dei vostri post, ma tutto dipenderà dal tempo e dalle risorse che avrete a vostra disposizione.

1. Facebook
Una volta pubblicato il vostro post procedete tenendo il link da parte e aggiornate la vostra pagina Facebook dove i vostri fan riceveranno la notifica una volta caricato il contenuto.

2. Twitter
Twittate il post diverse volte nel giorno in cui l'avete pubblicato, così da essere messo in ombra nella marea di altri tweet.
Non esitate nemmeno a ritwittare i vostri vecchi(ma preziosi) articoli evergreen che continueranno a fornire idee ispiratrici e contenuti che faranno dire ai vostri lettori-ne vorrei ancora per favore!-.

3. Linkedin
Pubblicate i vostri post ogni giorno su Linkedin così che i visitatori e le connessioni che avete sul vostro profilo li leggeranno nei loro feed e aggiornamenti. Gli appassionati di Linkedin li condivideranno ancora verso le loro connessioni soltanto se li noteranno davvero e se crederanno che varrà la pena condividerli(un titolo accattivante può aiutare).

4. Installare 3 pulsanti
Dovrete posizionare un pulsante "Tweet", uno "share" di Facebook e un "Linkedin" come minimo nella parte superiore del post(non nascondeteli in basso). Sono facilmente caricabili su un blog Wordpress utilizzando tre plugins. Permettetene alle persone la condivisione nelle loro piattaforme preferite.

5. Video
Il video che non è online e vale la pena di essere pubblicato per gli abitanti del mondo virtuale dovrebbe essere prima caricato su Youtube e successivamente inserito nel vostro blog in modo tale che ricercandovi su Youtube vi troveranno grazie a parole chiave e stringhe di frasi(fra l' altro, Youtube è il secondo più grande motore di ricerca dietro Google stesso).

6. Immagini
Le foto e le immagini che scattate e usate nel blog dovrebbero essere pubblicate sui vostri profili Flickr o Picassa (punto di riferimento Google per le immagini, simile a Flickr). Se non avete ancora creato un account su questi siti andateci e fatelo, ora.

7. Presentazioni Power Point
Se le presentazioni che vorrete condividere sono attualmente offline, dovreste pubblicarle su Slideshare e inserirle nel vostro blog così che gli utenti Slideshare possano condividere le vostre grandi idee. Potete anche aggiungere Slideshare al vostro account Linkedin come un'app, al fine di rendere la vostra presentazione parte integrante del vostro profilo.

Altro beneficio aggiuntivo a tutto questo processo di condivisione promozione su account social network e social media, è rappresentato dal fatto che la vostra SEO(Search Engine Optimization) aumenterà significativamente.
Apparire su Google e Bing la accrescerà in maniera esponenziale.

Quindi condividete i vostri post e pubblicate le vostre idee perché essere trovati su internet è fondamentale!

 

fonte: http://www.jeffbullas.com/2011/07/05/how-to-use-your-blog-as-your-viral-online-publishing-hub/
immagine in evidenza: http://blog.hootsuite.com/social-share-constant-contact/