In questo momento, inutile dirlo, le luci della ribalta sono puntate su Facebook e Twitter, al punto che gli altri social network, per il social media marketing, sembrano quasi non esistere. Tanto da dimenticarsi, per esempio, di un certo Linkedin e dei suoi milioni di utenti "professionali" che popolano la sua rete.

il mio profilo di LinkedIN

Molti hanno già imparoto a utilizzare Linkedin in modo proficuo, addirittura facendolo diventare il motore principale della loro attività economica. E' ovvio che questo non si può applicare a tutti i business e settori, ma indica comunque che il canale è valido e non va sottovalutato.

Ecco quindi le 5 regole necessarie per iniziare ad utilizzare LinkedIn al meglio, suggerite da Giedrius Ivanauskas, personaggio che genera il 60% dei suoi rapporti commerciali a buon fine su LinkedIn (come ammette lui stesso: dopo 10 anni di presenza ed attività costante...).

1. DOVETE compilare bene il profilo

Un nome e una posizione lavorativa non sono sufficienti per far conoscere ad altri contatti la tua storia lavorativa e le tue competenze. Invece di lasciare mezzo profilo in bianco (la percentuale di completamento è bene indicata in alto a destra) perchè non vi prendete un paio d'ore per completarlo per bene? Aggiungete un numero di telefono. Volete far visitare il vostro sito? Linkatelo. Sono queste le cose che alla fine vi rendono credibili o meno. E mettete una foto professionale nel profilo. No foto = no credibilità dell'interlocutore.

2. DOVETE partecipare ai gruppi

Non solo dovete iscrivervi, ma dovete proprio prendervi parte. Queste sono le "aree magiche" di LinkedIn. E non dovete trovare i gruppo dove sapete tutto, ma i gruppi che potrebbero frequentare i vostri clienti. Per esempio: se siete un chirurgo plastico a Roma dovete partecipare a gruppi che parlano di chirurgia plastica e ad altri che parlano di mondanità a Roma.

3. DOVETE fare domande e dare risposte

C'è una meravigliosa funzione su LinkedIn che  permette di fare domande e dare risposte al vostro network o a tutta la rete di LinkedIn. E' un gran bel modo di presentarsi ai partner o ai potenziali clienti. Non abbiate paura di utilizzare la vostra esperienza per dare risposte. E' questa che vi fa notare.

4. DOVETE rispondere

Nulla infastidisce di più un utente di un social network che essere ignorato dopo aver chiesto qualcosa ad altri. E se sono offerte commerciali basta anche un "no grazie, non sono interessato" L'importante è non essere scontrosi, non rispondere "Lasciatemi in pace" e non ignorare le email. Questo è fare networking. Sennò tanto vale iscriversi.

5. DOVETE tener vivo il vostro profilo con referenze e applicazioni

Accordatevi con altri che hanno lavorato o lavorano con voi per farvi raccomandare (o raccomandatevi a vicenda) Questo è un modo per mostrare ad altri la bontà del vostro lavoro. Le applicazioni vi permettono di integrare il vostro account di Twitter, il vostro blog di Wordpress o condividere una presentazione di Powerpoint. Questo è un modo interessante di mantenere vivo il vostro profilo.

Ecco, questo è quanto.
Non è che dovete dedicarvi a passare le giornate smazzando su LinkedIn, ma essere consapevoli che abbiamo a che fare con uno strumento di lavoro professionale ed evoluto, che ci permette di ampliare la nostra visibilità e stabilire nuovi rapporti con altre persone che su LinkedIn cercano, esattamente come noi, clienti e fornitori.